tamara.giorgetti@gmail.com

Danubio salato

Danubio Salato

Danubio. Dal nome si intuisce  che la sua origine deve essere mitteleuropea. Il Danubio dolce nasce dalla tradizione boema e austriaca ma è approdato a Napoli grazie ad un pasticcere calabrese. Il Danubio,  molto diffuso in Alto Adige con il nome Buchteln è un dolce antico composto da tante sfere di pasta lievitata ripiene di confettura di prugne o albicocche.

Come abbiamo detto il suo nome ci conferma la sua origine mitteleuropea, ma la sua storia e la sua diffusione hanno molto a che fare con la città di Napoli, e con un pasticciere calabrese di lunghe vedute. Comunque siano andate le cose il Danubio, da tipico dolce d’Oltralpe, diventa anche una appetitosa torta salata, l’impasto rimane lo stesso, cambia solo il ripieno, dai salumi e formaggi, alle verdure ripassate in padella di tutti i tipi.

Il Danubio è adatto ad aperitivi e spuntini salati, o come fine pasto la versione dolce, fantasia,  pazienza e farina, uova, latte, burro , lievito e zucchero faranno il resto.

danubio salato

Ingredienti per un Danubio salato:

  • 250 g di farina tipo 1
  • 115 ml di latte
  • 25 ml di olio extravergine d’oliva
  • 15 g di zucchero
  • 5 g di sale fino
  • 3 g di lievito di birra disidratato
  • 1 uovo piccolo, anche metà

per il ripieno:

olive, capperi,  pomodorini confit

  • 100 g di olive qualità leccino, quelle piccole denocciolate
  • 20 g di capperi
  • 400 g di pomodorini confit preparati precedentemente
  • 20 g di provola affumicata a pezzettini

per spennellare:

  • uovo e latte
  • semi di papavero, sesamo nero e sesamo bianco

Sciogliete il lievito nel latte, mettete la farina setacciata nella ciotola della planetaria insieme al sale e allo zucchero, unite anche metà uovo e aggiungete il latte con il lievito, unite anche l’olio d’oliva e cominciate ad impastare con il gancio da impasto. Continuate ad impastare a lungo almeno 10 minuti,  date una sforma sferica e lasciate lievitare per un paio di ore, coperto in forno, se è inverno con la luce accesa, adesso non serve, il caldo faciliterà la lievitazione.Una volta raddoppiato il volume riprendete l’impasto e dividetelo in 15 pezzetti, stendeteli dandogli una forma circolare e mettete al centro il vostro ripieno, richiudete molto bene e mettete il fagottino ottenuto(chiusura verso il basso) in una tortiera di 26 cm di diametro.
Spennellate bene con l’uovo e il latte e spolverate con i semi di papavero, e sesamo, infornate a forno caldo, 170°C  per 35 minuti. Una volta pronto e intiepidito mettetelo in tavola e ognuno staccherà una pallina per mangiarlo.
Tracce prese da una ricetta di GZ

 

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina UNIQUA

Tutti-i-colori-di-EXPO-per-Uniqua--600x250Tutti i coloro di Expo

 

 

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has One Comment

  1. sabrina

    La devo ancora provare la verde ma vedo la meraviglia che hai fatto e già mi dice tutto. La proverò presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *