tamara.giorgetti@gmail.com

Canelé di Bordeaux

Canelé

Era tanto che volevo fare questi deliziosi dolcetti, li adoro, starei ore a guardarli e mangiarli, ma dovevo trovare lo stampo adatto e rimanda una volta per un motivo un’altra per un altro motivo sono passati i mesi. Finalmente ho tutto: stampini, ricetta, ingredienti e una grande voglia di mangiarli, loro i Canelés di Bordeaux, questi splendidi dolcetti che, dicono i ben informati, sono allo stesso livello  dei macarons in fatto di bontà e dopo averli assaggiati ho potuto confermare.

nalele de bordeaux

 

Era tanto che volevo fare questi deliziosi dolcetti, li adoro, starei ore a guardarli e mangiarli, ma dovevo trovare lo stampo adatto e rimanda una volta per un motivo un’altra per un altro motivo sono passati i mesi. Finalmente ho tutto: stampini, ricetta, ingredienti e una grande voglia di mangiarli, loro i Canelés di Bordeaux, questi splendidi dolcetti che, dicono i ben informati, sono allo stesso livello  dei macarons in fatto di bontà e dopo averli assaggiati ho potuto confermare.

Girando ho potuto trovare una ricetta di Ladurée, cult della pasticceria francese ormai da un paio d’anni anche in Italia, la ricetta l’ho trovata in questo blog, eccolo. Cominciamo dal nome, quello esatto è canelé e deriva dal nome “canaule” un pane molto conosciuto a Bordeaux fino al XIX secolo, nel resto della Francia sono conosciuti come cannelé e pare che quella “n” in più dia fastidio ai bordolesi…notizie prese anche queste dal sito.

Ingredienti per circa 20 Canelé di Bordeaux:

stampi canelé piccoli in silicone

  • 1/2 litro di latte
  • 1 baccello di vaniglia
  • 50 grammi di burro + una parte per imburrare gli stampini
  • 2 uova
  • 2 tuorli
  • 240 grammi di zucchero a velo
  • 1 cucchiaio e mezzo di rum
  • 110 grammi di farina
  • gli stampi di silicone non vanno infarinati ma solo imburrati

 

Preparate l’impasto per i canelé il giorno prima, tagliate il baccello di vaniglia, estraete i semini e aggiungeteli al latte che avrete messo in una casseruola e portate ad ebollizione. Toglietelo dal fuoco e lasciatelo in infusione per un’ora con il baccello, filtratelo e fatelo raffreddare.

Fate sciogliere il burro e fatelo raffreddare, mescolate le uova, i tuorli e lo zucchero a velo setacciato, mentre sbattete aggiungete il rum, il burro fuso, la farina setacciata e il latte ormai freddo al sapore di vaniglia. A questo punto mettete in frigorifero e lasciatelo fino al giorno dopo, almeno 12 ore.Imburrate gli stampini, io ho usato quelli piccoli ma ci sono anche grandi, e metteteli in frigorifero fino al momento di riempirli, quelli di silicone non vanno infarinati. Riempiteli con l’impasto fino a mezzo centimetro dal bordo e infornate subito a forno caldo 180°C io a 170, il mio forno scalda molto e lasciateli per circa un’ora, se li vedrete troppo caramellati abbassate il calore del forno, comunque il loro colore dovrebbe essere quello delle foto.
Se si dovessero gonfiare troppo infilate qualcosa al centro dei dolcetti per sgonfiarli, bucateli per far uscire l’aria. Sformateli subito su una griglia e fateli raffreddare e poi mangiateli subito, sono strepitosi, li adoro. Il loro interno somiglia al latte alla portoghese e fuori sono caramellati, una vera delizia.

canelé10

 

Print Friendly

This Post Has 5 Comments

  1. Viviana “ilsolleticonelcuore”

    Bontà! Mangerei tutto ma la circonferenza mi stoppa.
    Direi però che un pochetto di tutto male non fa 😉 Grande e bravissima la mia chef maremmana, è una gioia averti incontrata Tami! E chi ti lascia più!
    Un abbraccione!

  2. damiana

    Hai proprio ragione Tamara,si rimane incantati da questi dolcini!E magari ci si fermasse al solo ammirarli,ahimè penso siano come le ciliege:uno tira l’altro!Ti confesso che non mi fiondo in cucina per la mancanza dello stampo…ora si che fremo anch’io per la voglia di provare!
    Segno tutto cara,grazie!Un bacione!

  3. Sabrina

    Sono deliziosi! Belle le foto anzi perfette!

  4. daniela bergamaschi

    sono incantata da questi dolcetti che hai realizzato e fotografato benissimo! posso chiederti dove trovare lo stampo? in rete o in qualche negozio ? io abito a mestre ciao e complimenti daniela

    1. TamTam

      ciao Daniela piacere di conoscerti, gli stampi per i canelé de Bordeaux li ho comprati da Peroni,(ti lascio il link, http://peronisnc.it/index.php) è un vecchio negozio di Roma che ha anche la vendita online,ma per una cosa sola non ti conviene, credo che a Mestre o Venezia troverai sicuramente negozi che vendono articoli per la casa, oppure dal solito Amazon.it, fammi sapere, ciao e grazie ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *