tamara.giorgetti@gmail.com

Torta alle rose con polvere di rosa e fava tonka

Torta Di Rose Con Le Rose E Fava Tonka O1

Torta alle rose con polvere di rosa e fava tonka. Trovo la torta di rose molto elegante. A mio marito non piace perché secondo lui “è secca”, ma per mio marito è “secco” tutto ciò che non è latte alla portoghese, crema pasticcera o tiramisù. Invece io ho una passione viscerale per i dolci da credenza, per tutte quelle preparazioni che contengono confetture magari fatte in casa, aromi estratti dalla natura, bucce di limone o arancio, fava tonka, boccioli di rosa seccati e poi sbriciolati. E ancora tanta cannella e poi i liquori fatti in casa, insomma sono un’amante di tutto quello che si può fare in casa e questa torta me la sono personalizzata, con tanti boccioli di rosa frullati e ridotti in farina e tanta fava tonka grattugiata, vi lascio immaginare il profumo. Questa torta è molto bella anche da vedere, si può farcire anche salata.

da Wikipedia. La torta delle rose è un dolce tipico della cucina mantovana. E’ preparata con pasta lievitata ricca di burro e zucchero che viene arrotolata e tagliata, quindi messa nella teglia e dopo cotta assume la caratteristica forma di un cesto di boccioli di rose, da cui il nome.
Con l’arrivo di Isabella d’Este nel 1490, che divenne marchesa consorte di Mantova sposando Francesco II Gonzaga, la cucina mantovana venne influenzata da quella emiliana: la marchesa si avvalse infatti della consulenza di Cristoforo di Messisbugo, cuoco dei signori di Ferrara, che pare avesse creato appositamente per lei la “torta delle rose“.

Si dice anche che Isabella d’Este arriva a Mantova a 16 anni come sposa di Francesco II Gonzaga e che per celebrare la sua bellezza le viene dedicata una torta tempestata di corolle di rose. Sarebbero stati i cuochi mantovani a creare la “torta delle rose” perché la bellezza di Isabella d’Este nn aveva eguali nelle corti d’Europa.

torta di rose con rose e fava tonka V1

Torta alle rose con polvere di rosa e fava tonka

  • 500 g farina bianca
  • 1 bustina di Lievito di birra secco
  • 100 g zucchero
  • 1 cucchiaino raso di sale
  • scorza grattugiata di un limone
  • 2 uova
  • 80 g burro fuso tiepido
  • 125 ml di latte tiepido, potete aumentare fino a 150 ml se dovesse servire

Per farcire:

  • 100 g burro a temperatura ambiente
  • 100 g zucchero
  • fava tonka grattata
  • rose essiccate frullate (all’incirca 30), io ho i boccioli essiccati e i petali,

 

Setacciare la farina e mettetela nella ciotola della planetaria, aggiungete il lievito di birra,  lo zucchero, il sale, la scorza del limone e poi le uova quindi cominciate ad impastare, aggiungete il burro fuso ma non caldo e impastate aggiungendo il latte che vi servirà per avere un impasto morbido ma non appiccicoso, ricordatevi che andrà steso con il mattarello. Lavorate fino a far incordare l’impasto. Coprite con la pellicola la ciotola e mettetela a lievitare in forno con la luce accesa per un paio di ore, forse anche di più, deve raddoppiare.

Lavorate il burro a crema, aggiungendo gradatamente lo zucchero, stendete con il mattarelo l’impasto in un rettangolo di 35×50, spalmatevi la crema di burro, quindi grattateci una fava tonka e poi cospargete tutto con i boccioli di rosa ridotti in farina e arrotolate la sfoglia dal lato più lungo.

Tagliate il rotolo in 13 o 14 pezzi uguali e sistemateli in uno stampo leggermente imburrato, coprite con la pellicola e mettete a lievitare ancora. Quando le “rose” saranno lievitate e non ci saranno più spazi vuoti potete mettere la torta a cuocere in forno caldo a 180° per 30 minuti. Controllate perché è un tipo di pasta che cuoce velocemente. Come potete vedere la mia sembra un po’ troppo colorata, ho acceso il grill quando era già cotta per farla colorare leggermente ed è rimasta qualche secondo di troppo.
Una torta che dura diversi giorni, adatta alla colazione di tutta la famiglia, semplice e molto aromatizzata, deliziosa.
torta di rose con rose e fava tonka V2
Print Friendly

This Post Has 2 Comments

  1. sabrina fattorini

    Ma tuo marito è parente del mio??? Ogni volta che faccio un dolce che non sia al cucchiaio, il commento è : ” Si, buono, ma strozza!!!” E fa anche la faccia di quello che fatica a deglutire!!! Che pazienza che ci vuole!!! La tua torta è bellissima!!! Io l’assaggerei volentieri!!!

    1. TamTam

      Io gli faccio due urli e se non la mangia non ne faccio altre fino a che non è finita, cavolo faccio due dolci a settimana, e le torte di rose sono come il danubio mi piacciono tantissimo, ma tanto a mio marito non piace nulla…dove li abbiamo trovati?
      grazie cara…saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *