skip to Main Content

Riso ingioiellato iraniano – Iranian jeweled rice

Riso Ingioiellato Iraniano – Iranian Jeweled Rice

Riso ingioiellato iraniano – Iranian jeweled rice. Il riso persiano “ingioiellato” è una ricetta portata in Italia dalle donne ebree provenienti dalla Persia (l’attuale Iran): rappresenta  un caratteristico riso di Shabbàt, perché si prepara in anticipo, scaldandolo al momento  o consumandolo freddo, e ogni famiglia ne elabora la propria versione.

Il riso ingioiellato fa parte delle pietanze dello Shabbat, la festa che dura fino al tramonto del giorno seguente. Lo Shabbat è un momento di festa durante il quale ogni attività si ferma, per gli ebrei osservanti, non è permesso lavorare, accendere la luce o la televisione, usare l’auto o qualsiasi tecnologia. Quindi, nemmeno cucinare. Ma a tavola però ci si ritrova con tutti i membri della propria famiglia, secondo una tradizione antichissima che risale ai tempi della Bibbia. I  piatti dello Shabbàt che costituiscono la cena del venerdì, la colazione e il pranzo del sabato, devono essere pietanze che – preparate con anticipo – diventano sempre più buone con il passare delle ore, e che possono essere lasciate in caldo su di una piastra elettrica anche 20 ore di seguito, oppure essere mangiate fredde,  Il riso ingioiellato è una di queste. [1] [1] dal blog di Labna e wikipedia

Iranian Jewelled Rice

 

Ingredienti per “Riso ingioiellato iraniano – Iranian jeweled rice”:

  • 150 g di Riso basmati bianco chicco lungo
  • 1 cipolla piccola tritata finemente
  • la buccia di un’arancia bio tagliata a julienne, senza la parte bianca,
  • 2 piccole carote pelate e tagliate a julienne
  • 100 g di zucchero
  • stimmi di zafferano
  • 35 g di uvetta
  • 35 g di barberries o di mirtilli disidratati
  • 1 cucchiaino di cardamomo e cumino pestati
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 15 g di pistacchi a lamelle
  • 20 g di mandorle a lamelle
  • 20 boccioli di rosa essiccati o l’equivalente in petali
  • Olio

Lavate il riso con l’acqua fredda diverse volte quindi mettetelo a cuocere in acqua tanti minuti quanti ne prevede il vostro tipo di riso. Assaggiate il riso, durante la cottura, se è pronto conditelo con pochissimo olio per non farlo attaccare e mettetelo da parte.

Con un pelapatate togliete la buccia all’arancia, senza la parte bianca e tagliatela a julienne, fate la stessa cosa con le carote. Mettete una parte dello zucchero in una padella media con una tazza di acqua e fatelo sciogliere, unite la julienne di carote e di bucce d’arancia e fate cuocere per circa 10 minuti fino a che non saranno caramellate.

In un’altra padella mettete qualche cucchiaio di burro e fate rosolare la cipolla, aggiungete la curcuma e mescolate bene. Aggiungete i mirtilli e l’uvetta cospargete dello zucchero e mescolate bene. Unite anche le carote e le bucce d’arancia lasciandone alcune per guarnizione. Quindi i pistacchi e le mandorle e mescolare. Unite le spezie, il cumino e il cardamomo pestati e lo zafferano sciolto in pochissima acqua tiepida.

Mettete il riso in una ciotola e aggiungete tutti gli ingredienti girate molto bene per far staccare i chicchi e far sì che lo zafferano e la curcuma arrivino dappertutto per colorare e insaporire.
Mettete il riso in un piatto di portata, fate una piramide e guarnitela con la julienne di carote e bucce d’arancia, e una pioggia di petali di rosa.
Ricetta della rubrica “Che ci faccio con…” di Mtc

 

Iranian Jewelled Rice

Print Friendly, PDF & Email
Questo articolo ha un commento
  1. Un piatto sicuramente buono per me che sono risottare ma gli ingredienti non sarebbero per marito e solo per me …sono pigra. Però prendo la ricetta non si sa mai… Buona settimana e serata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top