tamara.giorgetti@gmail.com

Polpette di cavolo nero

Polpette Di Cavolo Nero

Polpette di cavolo nero. Il cavolo nero verdura tipica della stagione invernale, buono e pieno di tante vitamine utilissime, una verdura a prezzi contenuti e cresciuta all’aperto, al freddo (quest’anno purtroppo poco freddo) e soprattutto nei campi. Anche il cavolo nero, come tante altre verdure invernali ha sofferto molto la stagione calda; i carciofi hanno una barba foltissima e questo è dovuto al caldo. I broccoletti romani, così come le cime di rapa o i friarielli non hanno il sapore di sempre, se non fa freddo, molto freddo non danno il meglio. Così i cavolfiori, quelli colorati sono una meraviglia, per la pasta o per le torte rustiche e poi le cimette fritte. L’inverno così caldo ha limitato anche lo sviluppo del cardo, se non gela non diventa tenero, sono riuscita a mangiarlo solo una volta e poi è sparito dai mercati. Pazienza, ma non comprerò le zucchine, o i peperoni, come  non comprerò le melanzane, ogni verdura, ha la sua stagione.Ecco le polpette di cavolo nero.

 

 

 

Ingredienti per “Polpette di cavolo nero”:

  • 300  g di cavolo nero pulito dalla costa centrale e lessato
  • 3 patate lessate e schiacciate
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano
  • 1 uovo
  • sale e pepe q.b.
  • farina di mais fioretto per le polpette
  • olio extravergine pr spennellare le polpette

Strizzate il cavolo lessato e tritatelo finemente con un coltello, mettetelo in una bol con le patate schiacciate, aggiungete l’uovo, il parmigiano, il sale e il pepe, mettetevi dei guanti e con le mani mischiate tutto, viene meglio con le mani.
Copritelo e mettetelo in frigorifero per qualche ora per farlo compattare. Riprendete il vostro impasto e cominciate a fare le polpette, non troppo grosse, passatele nella farina di mais e andate avanti fino alla fine.

Spennellare le polpettine con l’olio extravergine d’oliva, mettetele nella carta forno stesa nella leccarda e infornatele a 160/180°C per 20 minui, si dovrebbero dorare un po’. Servitele con insalatina.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.