tamara.giorgetti@gmail.com

Culotte rosé…al ristorante La Palmerie

Volevo mettere un segno rosa nel mio blog per ricordare l’importanza di questa campagna, così mi è tornato in mente questo piatto molto coreografico che si mangiava in un piccolo ristorante che si trovava in una traversa di via dei Serpenti, La Palmerie si chiamava e forse chi è di Roma se lo ricorda, andava molto di moda negli anni ’80 poi ha chiuso, servivano dei piatti molto particolari e cucinati anche bene. Per la culotte rosé l’ingrediente principe sono le rape rosse.

Ingredienti

2 rape rosse (io ho preso quelle già cotte, ma se ho tempo le cuocio)
500 grammi di farina per fare la pasta 
olio
sale
panna
burro

Ho fatto a pezzetti le rape, le ho frullate con il minipimer e poi le ho passate al setaccio per fare una purea finissima che poi ho aggiunto (la metà) alla farina per fare la pasta, insieme all’olio (un cucchiaio) e al sale (un cucchiaino). Per fare la pasta rosa ho aggiunto, mentre la macchina impastava, anche dell’acqua, perché è una pasta senza uova, e quando è arrivata alla giusta consistenza ho smesso di impastare, ho messo la pasta in frigorifero, avvolta nella pellicola, per riposarsi un paio d’ore. Quando l’ho ripresa ho tirato delle strisce corte e poi le ho tagliate come delle larghe pappardelle. Nel frattempo ho messo l’altra rapa con un pezzetto di burro in una padella con bordi alti, l’ho fatta insaporire e poi ci ho versato della panna, ho fatto scaldare poco e quando la pasta era cotta l’ho ripassata nella padella con il sugo rosa, ho fatto caramellare nel burro alcune striscette di rapa rossa e le ho messe sopra come guarnizione.

Pubblicando questa ricetta ho trovato la cuoca che in quegli anni stava al ristorante La Palmerie e che aveva creato questa ricetta, poi ci siamo anche incontrate e l’ho avviata alla nobile arte della panificazione, con scarsi risultati, nonostante fosse una chef diplomata.

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 18 Comments

  1. Tamtam

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

  2. ornella

    Buongiorno! Vediamo se stamattina riesco a farti i complimenti per questa delicatissima e originale ricetta! Sembra davvero deliziosa e tu sempre bravissima!
    Un abbraccio e buon fine settimana!

  3. Tamtam

    Sì Ornella, funziona!!!! Alfredo è proprio bravo, l’ha anche aggiustato tutto….un abbraccio e buon dine settimana anche a te….

  4. anna

    Ottimo piatto rosa con collegamento ad una importante campagna di sensibilizzazione.
    Sei brava come sempre.
    Bello il nuovo template!
    Baci e buona settimana!

  5. vincent

    Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l’iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su “Inserisci il tuo blog – sito”
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

  6. blu notte

    XDXD l'avevo preso per un dolce.,.. ottimo Tammy!!!! lo provo

  7. I sognatori di Cucina e nuvole

    mi sembrano davvero ottime e poi l’aspetto è magnifico!

  8. sabry

    Tamara non riesco da stamattina ad entrare in FB per votarvi…:-(
    Mi piacciono un sacco le rape rosse e anche al mio bimbo!

  9. Giovanni, Peccato di Gola

    slurposa Tamy! *__* buon fine settimana!

  10. sississima

    mai provata, fantasticaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!! Un abbraccio SILVIA

  11. daniela64

    Che bella ricetta , devoassolutamente provarla. Buona serata Daniela.

  12. Stefania

    non conoscevo questa ricetta, particolarissima e con una nota romantica nel colore; non conoscevo nemmeno il ristorante, un bacione

    p.s. per FB ho di nuovo l’account ma posso scrivere solo sulla mia bacheca, però riesco a leggere tutti voi, condividere e votare. Un bacione

  13. vickyart

    particolare! mai sentita questa ricetta e devo dire che mi è anche difficile trovare le bababietole! peccato ke il ristorante abbia chiuso, ciao cara

  14. Daniela Lucisano

    Non l’ho mai provata ma è davvero una ricetta scenografica

  15. Carmine Volpe

    mi piace molto questa idea di adoperare le barbabietole cosi

  16. Delfina Rosa

    Io c’ero, me lo ricordo bene il ristorante Le Palmerie e le culotte rosè era il mio piatto preferito! Ogni volta che lo propongo è un successo!

  17. Sauro

    Sono quasi 30 anni che faccio questo piatto per me e la mia famiglia ed è quello che preferisco in assoluto,un sapore particolare che non si dimentica!!!

    1. TamTam

      Hai ragione, io lo ricordo sempre con grande piacere tanto che solo a memoria sono riuscita a rifarlo e vuoi sapere una cosa stupenda? La prima volta che lo feci mi contattò quella che lo aveva creato alla Palmerie, la cuoca e mi disse che lo avevo rifatto identico, poi siamo entrate in confidenza e ci siamo incontrate, io le detti i fermenti lattici per lo yogurt che all’epoca coltivavo. Era una signora in l’ha con gli anni ma molto in gamba, è un piatto che non dimenticherò mai, e poi ero giovane e questo conta, grazie di aver commentato, spero che ti piacciano anche le altre mie ricette e che tu torni a trovarmi. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *