tamara.giorgetti@gmail.com

Christstollen, il dolce natalizio di Dresda

Christstollen

Ecco il famoso Christstollen il dolce natalizio di Dresda o Stollen come si può chiamare. La forma di questo pane dolce vuole ricordare il Bambino Gesù avvolto nel suo telo, in effetti la forma ricorda un bambino avvolto nella copertina. Le notizie dello Stollen si cominciano a trovare già nel XIV secolo con diverse variazioni in tutta la Germania, è una pasta lievitata ricca di burro, frutta secca e canditi, mandorle, uva passa e uva di Corinto ricoperto poi di zucchero a velo o di ghiaccia reale. Facciamo i pani dolci degli altri paesi del mondo, non ci limitiamo sempre agli stessi panettoni la globalizzazione è anche questo vedere come gli altri preparano il loro Natale e si può fare anche attraverso il dolci.

Stollen V3

Nel 1329 la prima notizia sullo Stollen (o Christstollen) a Naumburg e 150 anni dopo si trova la citazione del dolce a Dresda. Da allora la città e il dolce diventano una cosa unica e nasce il Dresden Stollen  (Stollen di Dresda) e poco dopo arrivail riconoscimento IGP. Il dolce, nella versione orginale viene consumato dopo 3 settimane

Per altre versioni vengono aggiunti, a seconda delle zone, marzapane, ricotta, vino rosso, mele, prugne e nocciole. La preparazione del dolce avviene prima di Natale almeno tre settimane prima che servono al dolce per riposare.

Un dolce simile al Christstollen è il Kerststol che viene preparato nei Paesi Bassi.

Mi piacciono molto le tradizioni natalizie del nord Europa, le luci che abbelliscono le strade i palazzi, i negozi, gli alberi grandissimi tutti pieni di nastri e fiocchi e tante palle tutte d’oro, da noi gli addobbi sono molto meno ricchi, si sente molto meno la tradizione del Natale come la festa di tutti, le città sono scarsamente illuminate, gli addobbi sono abbastanza poveri ma non per la crisi proprio perché non c’è la tradizione, la volontà di festeggiare una festa che solo i cristiani sentono, invece secondo me è sbagliato per tanti motivi, io non sono cattolica ma festeggio il Natale insieme alla mia famiglia e facciamo anche l’albero e fino a qualche anno fa anche il presepe.

Ricetta dal libro “Il Pane fatto in casa” di Christine Ingram e Jenne Shapter

Ingredienti per un Christstollen, il dolce di Dresda:

  • 75 g di uva passa
  • 50 g di ribes – io mirtilli disidratati
  • 3 cucchiai di rum – io marsala secco
  • 375 g di farina O (zero)
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 50 g di zucchero semolato
  • 1/2 cucchiaino di cardamomo tritato – omesso
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 40 g di lievito di birra – io 25 g un panetto
  • 120 ml di latte tiepido
  • 50 g di burro fuso
  • 1 uovo sbattuto
  • 50 g di candidi misti a pezzettini
  • 50 g di mandorle a pezzetti
  • burro fuso per spennellare
  • zucchero a velo per spolverizzare

per il ripieno di pasta di mandorle

  • 115 g di mandorle pelate e tritate finemente
  • 50 g di zucchero semolato
  • 50 g di zucchero a velo
  • 1/2 cucchiaino di succo di limone
  • 1/2 uovo sbattuto

Mettete l’uvetta e i mirtilli nel marsala e passateli 1 minuti nel microonde così si scalderanno e lasciateli riposare. Setacciate la farina unite lo zucchero e le spezie.

Mescolate il lievito con il latte tiepido e dopo 10 minuti versate la crema ottenuta in un incavo della farina, coprite questa pastella con un po’ di farina e fate riposare ccoperta per 30 minuti.

Dopo 30 minuti aggiungete il burro fuso e l’uovo e mescolate fino ad avere un impasto morbido, se fosse necessario aggiungete qualche goccia di latte. Lavorate l’impasto almeno 10 minuti, mettetelo poi in una ciotola imburrata e coprite con la pellicola, lasciatelo riposare nel forno con la luce accesa per 2-3 ore fino a che non sarà raddoppiato.

Intanto prepariamo il ripieno di pasta di mandorle. Mettete le mandorle e i due tipi di zucchero in un frullatore con il limone e il mezzo uovo sbattuto e frullate fino ad avere una pasta morbida, compattate l’impasto e dategli una forma di salsicciotto, chiudetelo con la pellicola e fatelo riposare.

Riprendete l’impasto e lavoratelo di nuovo, dategli una forma rettangolare con uno spessoro di 2,5 cm e cospargetelo di uvetta, mandorle, canditi e mirtilli, lavoratelo con delicatezza per non rompere l’uvetta, dategli una forma ovale di circa 30×25 cm con i bordi più alti del centro. Ponete al centro il salsicciotto di pasta di mandorle e chiudetelo con la pasta.

Mettete la pagnotta nella teglia da forno coperta di carta e fate lievitare di nuovo coperto con la pellicola imburrata per almeno un’ora.

Accendete il forno a 200°C io a 170° altrimenti di brucia sotto e quando il forno sarà pronto infornate e cuocete per 30 minuti, fate la prova e se la pagnotta suonerà a vuoto sarà cotta. SPennellatela con il burro fuso e fatela raffreddare poi cospargetela di zucchero a velo.

Christstollen

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 3 Comments

  1. edvige

    Christollen o solo Stollen me lomanda ogni anno mia cognata che è di Dresda lo fa lei è buonissimo.
    A Dresda fanno anche la festa per questo dolce sul tipo guinnes dei primati uno enorme e tutti mangiano un pezzettino con tanto di musica ecc. merita vedere.
    Buon Natale a te e Famiglia.
    PS. Non posso dire che la ricetta è uguale a quella di mia cognata, ogni famiglia partendo da una base uguale per tutti ci aggiunge qualcosa di tramandazione familiare. Buoni tutti e superbo il tuo.

  2. resy

    Bellissimo e sicuramente dal gusto favoloso!! Il tuo christstollen potrebbe stare nella vetrina di una delle migliori pasticcerie tedesche!!! 😉

    1. TamTam

      cara troppo buona 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *