tamara.giorgetti@gmail.com

Pīrādziņi, panini lettoni

Pīrādziņi

 

Con l’Abbecedario culinario europeo  siamo volati in Lettonia e la nostra ambasciatrice è Brii del blog Briggishome. Brii ha scritto un bellissimo racconto sulla Lettonia, la storia e il presente di questo Paese.

Ci stiamo avviando ormai verso la fine del nostro viaggio cominciato più di un anno fa, siamo partiti a gennaio 2013 con i Paesi Bassi e la nostra Gata da Plar, un viaggio che ci ha portato nei paesi dal nord al sud della nostra cara vecchia Europa facendoci conoscere oltre ai paesi, all’arte, alla cultura anche la cucina di ognuno di loro, ed è stato davvero entusiasmante. Andiamo adesso a presentare il piatto della Lettonia i Pīrādziņi. Pīrādziņi sono dei piccoli panini fatti con una pasta molto delicata e vengono farciti con cose varie , verdura, carne o pesce, io ho preferito le alici e ho azzeccato sicuramente, un ripieno buono e saporito.

Pīrādziņi

 

Ingredienti per i  pīrādziņi

con questa dose ne vengono 16-18

  • 500 grammi di farina
  • 15 grammi di lievito di birra secco
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 250 ml di latte
  • 150 grammi di burro
  • 200 grammi di panna acida, se non la trovate mettete un cucchiaio di aceto di mele nella panna normale, la crema di latte
  • 1 cucchiaino di sale

la ricetta di questo impasto me l’ha tradotta Sabrina di Natosottoilcavolo perché ha un libro di ricette lettoni e la ringrazio, il ripieno me lo sono inventato cercando di abbinare ingredienti compatibili tra di loro, però ognuno li può farcire come meglio crede, volevo pesci di lago, ma a Roma non si trovano.

lettonia3

Ingredienti per il ripieno

  • mezzo cespo di indivia scarola
  • 500 grammi di alici fresche spinate e pulite bene
  • olive nere denocciolate
  • olio e sale

Lavate e sgocciolate molto bene la scarola, tagliatela a pezzi e mettetela in una padella con olio aglio e peperoncino, fatela cuocere velocemente e appena si è ritirata un po’ di acqua aggiungete le alici tagliate a pezzetti e le olive tagliate anche loro, quando non c’è più acqua spegnete pure e fate freddare.

lettonia2

 

Ho messo tutti gli ingredienti nella planetaria e ho fatto andare a velocità 1 fino ad avere un impasto bello liscio, ho messo poi a lievitare fino al raddoppio.
Ho ripreso l’impasto e siccome era molto morbido ho preso dei pezzi con le mani, allargati e farciti con alici, olive e scarola, ho richiuso bene questo fagottino di pasta e messo a lievitare ancora nella leccarda del forno rivestita di carta. Dopo circa mezzora i panini erano pronti e li ho infornati a forno caldo a 160°, la pasta è delicata e si scurisce subito, circa mezzora  è sufficiente per la cottura. Si posso mangiare tiepidi e anche freddi, sono davvero molto buoni.

Con questa ricetta partecipo al contest  Finger Food, In un sol boccone 

promosso dal blog Miele&ricotta e dal blog  Labottegadelledolcitradizioni

in collaborazione con Peroni (www.peronisnc.it)

contest Peroni

lettonia4

 

Print Friendly

This Post Has 9 Comments

  1. sabrina

    Bravaaaaa!!! Sono proprio loro!! I paninetti che ho mangiato durante il mio lungo soggiorno a Riga! Li vendevano ovunque!

  2. Lalla

    Un ripieno con i contro fiocchi , una ricetta di quelle che piacciono a me.
    Sempre ricette particolari qui ;-).

  3. Ale

    Che belli!!!!!!!! Mi farebbe molto piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/ ti aspetto ^_^

  4. mariabianca

    Ora che a Trapani so dove comprare la panna acida questi panini saranno presto nella mia tavola. Grazie cara amica,sei sempre bravissima.

    1. TamTam

      cara amica mia se non la trovi basta che tu metta un cucchiaio di aceto di mele in 200 ml di panna (crema di latte) e la panna acida è pronta…un abbraccio…quanto mi piacerebbe venire a conoscerti in Sicilia tu sapessi…baci

  5. Elly

    Non so se li volevi tu o li prevedeva la ricetta originale… ma sicuramente di gran lunga meglio le alici al pesce di lago che secondo i miei gusti è poco saporito. Io ho provato con il tanto rinomato coregone, qui vicino da me al lago di Bracciano, ma proprio non mi va giù. Invece questa versione con scarola alici e olive è perfetta, mi ricorda tanto la pizza di scarole che amo tanto!! Ma quando li rifai????

    1. TamTam

      carissima Ely, la ricetta prevedeva, pesce di lago oppure la versione carne, maiale pancetta ecc. io ho pensato, non trovando il coregone, di usare le alici, più versatili di altri pesci e sono ottimo, grazie alla ricetta che mi ha dato Sabrina della pasta…baci

  6. veronica

    un’amante deilievitaticome me non puo’ non provarli sono uno spettacolo complimenti

  7. tiziana

    carissima, è la prima volta che entro nel tuo blog.. e sono estremamente contenta di averlo fatto…
    i tuoi panini sono davvero invitanti.. per non parlare del ripieno! io lo uso spessissimo come ripieno della pizza bianca…
    a presto e ancora complimenti
    un abbraccio
    tizi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *