tamara.giorgetti@gmail.com

Muffin alle mele con olio alla rosa

Muffin Alle Mele

I muffin sono sempre una cosa bella da vedere e piacevole da mangiare. I Muffin alle mele con olio alla rosa ancora di più. Dolcetti piccoli con due morsi sono finiti e le preparazioni sono infinite, con la frutta fresca, il cioccolato, la frutta secca, buonissimi con le noci, le mandorle, le nocciole e ancora l’uvetta, e poi quelli con i mirtilli, freschi o disidratati, insomma è un piccolo dolce adatto alla colazione o per un the pomeridiano dove si può mettere di tutto e poi ci sono quelli salati altra golosità. I muffin si possono congelare e scaldare in ogni momento.

muffin alle mele

Non avevo burro in casa, ma volevo fare i muffin. Avevo delle noci, delle bacche di goji e il latte di soia, mancava la parte grassa. Mi sono ricordata di avere dell’olio arrivato da pochi giorni dall’Azienda Marina Colonna di Campobasso e guardando quelle piccole bottiglie di olio mi è venuta l’idea: Muffin alle mele con olio alla rosa dell’azienda Marina Colonna e le ormai famose mele rosa dei monti Sibillini. Non posso farvi sentire il profumo di rosa che esce da questi piccoli scrigni e il profumo che usciva dal forno mentre cuocevano e dopo il sapore, molto delicato, ottima scelta, li farò di nuovo.

muffin alle mele

Secondo la leggenda i Colonna, discendenti dei Conti di Tuscolo, deriverebbero dalla Gens Julia e avrebbero preso il nome dalla Colonna Traiana. Pietro Colonna, nato nel 1078,  era proprietario del Castello della Colonna, vicino a Roma. Nel 1195 Giovanni fu il primo cardinale di casa Colonna. Ebbe una vita intensa: partecipò ad una Crociata e fu liberato dalla prigionia Saracena per intercessione di San Francesco d’Assisi, di cui fu amico e sostenitore, contribuendo a farne approvare la Regola. La storia della Famiglia Colonna diventa interessante e potete leggere nel sito la storia di una delle più famose famiglie italiane dall’anno 1000 fino ad oggi.
I Colonna continuarono ad avere un ruolo di primo piano nel campo culturale, ecclesiastico, politico, militare e civile in Italia ed in Europa nei secoli successivi. Prospero Colonna fu eletto sindaco di Roma per ben tre volte e fu senatore del Regno d’Italia. Suo figlio, Piero Colonna, fu Governatore di Roma. Francesco Colonna, figlio di Piero, ha trascorso parte del suo tempo nella ristrutturazione e modernizzazione dell’azienda agricola di famiglia, attualmente gestita dalla figlia donna Marina.

marinacolonna261-400x389

Ed eccoci arrivati ai giorni nostri, l’Azienda Colonna dedica 55 dei suoi 180 ettari agli oliveti, con oltre 20 diverse cultivar, compreso le varietà pregiate che entrano nel disciplinare DOP Molise. L’utilizzo di tecniche a basso impatto ambientale, la raccolta precoce a macchina e l’estrazione dell’olio a ciclo continuo a freddo nel frantoio aziendale entro 12 ore.
Selezione classica
Prodotto dalle seguenti cultivar aziendali: Frantoio, Peranzana, Leccino, Ascolana, Coratina, Cima Di Melfi, Fs17, Nocellara del Belice, Maiatica, Kalamata ed altre varietà sperimentali, creando così una miscela armonica di delicato equilibrio fra l’amaro ed il piccante di un olio color giallo verde, fruttato medio. Retrogusto di pomodoro maturo e carciofo.

02

La selezione migliore, il Colonna D.O.P. Molise (Denominazione di Origine Protetta) ha ottenuto numerosi riconoscimenti sia nazionali che esteri. Leccino e Gentile di Larino sono le tre varietà del territorio molisano, che si trovano nei terreni aziendali e vengono selezionate per quest’olio di colore giallo dorato intenso con riflessi verdi, limpido; al naso si offre potente e complesso, dotato di ampi sentori di pomodoro acerbo e banana, arricchiti da note floreali di glicine e mimosa. Al gusto è avvolgente e fine, con toni di verdure fresche ed erbe balsamiche, dove si ritrovano il rosmarino e la salvia. Fruttato medio, equilibrato tra l’amaro ed il piccante. E ancora la selezione monovarietale Peranzana, la Peranzana una cultivar importata dalla Provenza nel ‘700 dal duca di Sangro. All’olfatto si sente un profumo fruttato netto di oliva con evidenti note erbacee e floreali, di pomodoro verde, erba e grano appena trebbiato. Retrogusto leggermente piccante con un leggero sentore di mandorla e carciofo.

I Bio di categoria superiore prodotto secondo i metodi di gricoltura biologica certificata da agricoltura biologica certificata.
Dal prossimo anno più della metà degli ulivi saranno certificati biologico.

01

Gli oli agrumati
L’azienda produce dal 1990 un’intera gamma di OLI AGRUMATI, utilizzando limoni
“Granverde”, arance “Arancio”, mandarini “Mandarino”, bergamotti “Bergamia”,
biologici di Sicilia e di Calabria. gli oli più recenti sono: “Ginger” ottenuto molendo
olive raccolte in giornata con radici fresche di zenzero, “Aromatico” con semi di
cardamomo, “Tulsi” con foglie di basilico ligure ed infine “Mirto”, con le bacche di
questa pianta tipica Mediterranea coltivata in azienda.

Ingredienti per muffin alle mele e olio alla Rosa dell’Azienda Marina Colonna

  • 400 g di farina O setacciata
  • 100 ml di miele di acacia
  • 100 ml di olio alla rosa dell’Azienda Marina Colonna
  • 1 bustina di lievito
  • 4 mele rosa dei monti Sibillini
  • 6 cucchiai di noci tritate
  • latte di soia, q.b. per avere un impasto dalla giusta consistenza, molto morbido

Mettete in un contenitore gli ingredienti secchi, farina, lievito e le noci tritate, in un altro quelli umidi, le mele tagliate a pezzettini, il miele e l’olio alla rosa. Unite i due composti senza lavorarli troppo, se serve aggiungete un po’ di latte di soia, l’impasto deve risultate molto morbido, non liquido però. Versate l’impasto nei pirottini da muffin e infornate a 180° per 25/30 minuti. Mangiateli tiepidi, e se volete congelarli fatelo appena saranno freddi. L’olio alla rosa li rende molto delicati, il profumo è leggero e si percepisce appena, ottimi.

muffin alle mele

 

 

 

Print Friendly

This Post Has One Comment

  1. foodwineandculture@gmail.com

    Bellissime Ricette e Bellissimo Blog ! Complimenti. Lisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *