tamara.giorgetti@gmail.com

Un couscous particolare: grano duro integrale e lenticchie rosse

Couscous Di Lenticchie Rosse

Un couscous particolare: grano duro integrale e lenticchie rosse. Nuova Terra offre una vasta gamma di ingredienti e sapori da riscoprire, prodotti porzionati contro lo spreco, cotture veloci, miscele pratiche ed equilibrate. E’ un marchio toscano che si occupa di alimentazione da oltre vent’anni, cereali biologici e un’ampia gamma di semi oleosi, è un punto di riferimento per chi vuole mangiare in modo sano, buono e giusto.

Nuova Terra nasce nel 1989, il consumatore ha l’opportunità di seguire un’alimentazione naturale. Ci sono prodotti per ogni esigenza o  desiderio: cereali, legumi, zuppe, minestre, prodotti Linea Bio, dedicati a chi sceglie uno stile di vita sostenibile e una Linea Gluten Free, dedicata a chi non vuole rinunciare al gusto quando deve seguire una dieta specifica per motivi di salute.

Nuova Terra è inoltre da sempre impegnata nel rispetto dell’ambiente e dei lavoratori, dei luoghi di produzione e di tutta la filiera, per la massima qualità nutrizionale, sociale e ambientale di ogni prodotto.

Ho avuto modo di conoscere i prodotti di Nuova Terra alcuni anni fa e ho potuto apprezzare i semi oleosi, così come i semi di canapa, ottimi nelle insalate. Questa volta mi sono cimentata in un couscous un po’ diverso, grano duro e lenticchie rosse, non vi dico il sapore, lo dovete scoprire, fidatevi di me e di Nuova Terra

 

Ingredienti per Un couscous particolare: grano duro integrale e lenticchie rosse:

 

  • 1 confezione di couscous di grano duro integrale e lenticchie rosse di Nuova Terra (io tutta la confezione)
  • 1 piccola verza
  • 300 g di ceci cotti al naturale di Nuova Terra
  • qualche cucchiaio di concentrato di pomodoro,
  • 2 l di brodo vegetale da utilizzare per la cottura del couscous e per i ceci e la verza
  • 300 g di macinato di manzo
  • 1 uovo
  • 50 g di parmigiano reggiano grattato
  • mollica di pane bagnata nel latte
  • sale e pepe q.b.
  • 2 spicchi di aglio
  • 1/2 peperoncino
  • 5/6 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino di curry
  • 1 cucchiaino di timo
  • 1 cucchiaino

Preparate il brodo vegetale con 2 l di acqua e tante verdure, cipolla, porro, carota, sedano, patata, 1 pomodorino, (quelli in barattolo), fate bollire per 30 minuti e poi spegnete.

La semola per preparare il cous cous usatela secondo le istruzioni riportate nella confezione, usate il brodo vegetale al posto dell’acqua così risulterà più saporita.

Per i ceci: mettete 2 cucchiai di olio in una padella, 1 spicchio di aglio, mezzo peperoncino, 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro e poi i ceci, coprite tutto con il brodo vegetale e fate cuocere almeno 30 minuti, i ceci sono cotti al vapore ma si devono insaporire.

Per la  verza: taglietela a striscioline, lavatela e mettetela in un tegame con olio per farla stufare, abbassate la fiamma, aggiungete un cucchiaio di concentrato di pomodoro e copritela con il brodo vegetale, mettete il coperchio e fatela cuocere a lungo, circa 30 minuti, aggiungete il sale a metà cottura. La verza deve avere abbastanza liquido.

Per le polpette: Mettete la carne in una pirofila insieme all’uovo, al parmigiano, alla mollica bagnata nel latte, al sale, al pepe e alle spezie e amalgamate tutto, se l’impasto risulta troppo morbido aggiungete pan grattato o un cucchiaio di farina, se al contrario risultasse troppo asciutto un cucchiaio di brodo. Assaggiate sempre se le cose che preparate sono giuste di sale.
A questo punto fate le polpette con le mani e passatele nella farina, mettete qualche cucchiaio di olio in una padella e quando sarà caldo unite le polpette, fatele dorate da tutte le parti e poi aggiungete qualche cucchiaio di brodo con 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro, mettete il coperchio e fate cuocere le polpette per 25/30 minuti. Non fate ritirare troppo le polpette, lasciate che abbiano il loro liquido di cottura da aggiungere alla semola. Stessa cosa per i ceci.

Servite il vostro couscous come ho fatto io, portandolo in tavola separato in 4 ciotoline oppure dentro ad un vassoio che lo contenga con le altre cose.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.