tamara.giorgetti@gmail.com

Tarte Tatin

Tarte Tatin

Da Wikipedia la storia o la leggenda della torta di mele più famosa al mondo, la Tarte tatin

La Tarte tatin. Secondo la leggenda, questo dolce sarebbe originario di Lamotte-Beuvron (nella regione del Centro): le sorelle Stephanie (1838-1917) e Caroline Tatin (1847-1911) gestivano un ristorante, che esiste ancora sotto il nome di “hôtel-restaurant Tatin”, di fronte alla stazione frequentata da molti cacciatori. Una domenica, mentre preparavano una torta di mele per il pasto di alcuni cacciatori, una delle sorelle dimenticò di porre la pasta brisée al di sotto della torta, lasciando caramellare così le mele nel burro e nello zucchero. Per rimediare all’errore pose dunque la pasta brisée al di sopra del composto ottenuto e poi capovolse il tutto in un piatto. I cacciatori apprezzarono questa torta, che divenne così la torta Tatin.

tarte tatin

Non sappiamo se questa sia la storia vera ma ci piace crederlo, è un racconto credibile e ancora una volta delle donne avevano risolto un problema.

Se chiedi a dieci persone come si fa la Tarte tatin risponderanno con la pasta sfoglia. Si pensa erroneamente che sia la pasta sfoglia il guscio che ricopre questa particolare preparazione invece l’impasto è fatto con la pasta brisée o  sucrée che si scioglie in bocca, delicata, croccante e morbida, è una di quelle preparazioni che ti rimangono in testa e nel cuore, e il sapore delle mele, che sono tante prevalgono su tutto, poi in fondo rimane questo delicato sapore di burro. Io ho volutamente usato delle mele consistenti, la Pink Lady, una mela croccante, non amo le mele tipo golden, farinose, mi piacciono quelle croccanti e devo dire che il risultato è stato ottimo.

 

Tart tatin

 

Per la pasta da mettere sopra ho usato la pasta sucrée di Martha Stewart, avevo già usato questa pasta per varie preparazioni e per la Tatin è indicata.

Ingredienti per la Tarte tatin:
per la pasta sucrée
che dovrà coprire le mele:

  • 290 g di farina per dolci
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 225 gr di burro
  • 2 tuorli
  • 170 ml di acqua ghiacciata, (a me non è servita, prima di metterla toccate la pasta con le dita, mi sembra proprio troppa)

per il ripieno di mele:

  • 8-10 mele, io pink lady
  • 150 g di burro
  • 150 g di zucchero
  • 200 g di pasta brisée o pasta sucrée, io pasta sucrée
  • cannella in polvere, facoltativa, (me la sono dimenticata)
  • 1 teglia rotonda da 24 cm di diametro e alta almeno 9 cm
  • un matterello per stendere la pasta

 

tarte tatin

Mescolate gli ingredienti secchi, farina, zucchero e sale con un cutter (robot da cucina) o a mano.

Aggiungete il burro a pezzetti e lavorate per pochi secondi, verrà un impasto molto bricioloso.

Incorporate i tuorli e mescolate velocemente sempre con un cutter, a questo punto nella ricetta c’è scritto di aggiungere l’acqua fredda, ma secondo me è troppa a me sono bastati i tuorli per avere un impasto perfetto che ho messo a riposare in frigorifero per mezzora.

A questo punto ho utilizzato una ricetta diversa presa da qui che mi ha suggerito Alessandra Van Pelt, nostra Capa indiscussa ed esperta.

Tagliate a metà le mele, sbucciatele e togliete il torsolo senza romperle, nel frattempo mettete nella teglia il burro e lo zucchero e fateli sciogliere e colorare senza bruciate. Quando lo zucchero e il burro saranno pronti e le mele tagliate cominciate a metterle nella teglia in verticale…come da foto qui sotto, riempite ogni spazio, (io ho dovuto aggiungere mele diverse, ma il risultato non è cambiato).

13378_10203569836399065_1936753554779137905_n11041723_10203569840759174_955940182812274608_n

10898053_10203569875520043_5019518009225900840_n

Qui ci sono le varie fasi della preparazione, dopo aver sistemato le mele, rimettete la teglia sul fuoco e facendo attenzione a non farle bruciare cuocete le mele per circa 10 minuti.
Riprendete la pasta e stendeleta poco più grande della misura della teglia, appoggiatela sopra e datele la forma classica della tatin, schiacciando la pasta fra una mela e l’altra. Praticate un forellino nel centro della torta per far uscire il vapore e infornate a 180°.  Ho tenuta la torta in forno per un’ora abbassando fino a 160° dopo 40 minuti per evitare che si bruciassero le mele, sotto, avendo il forno a gas. Nella ricetta non ci sono tempi per la cottura, sicuramente non meno di un’ora la torta è pesante, e le mele creano umidità. Ma il risultato è soddisfacente.

tarte tatin

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *