tamara.giorgetti@gmail.com

Spaghetti ai moscardini

Approfittiamo di queste giornate estive, giornate afose, caldo-umido insopportabile, nottate in bianco, dove anche il lenzuolo dà fastidio, rumori di condizionatori che contribuiscono a peggiorare il clima già tanto compromesso, approfittiamo, dicevo per mangiare il pesce che abbonda nei banchi dei mercati, delle pescherie e dei supermercati. Io oggi ho fatto questi splendidi spaghetti ai moscardini, non vi dico la bontà.
Pesce di tutti i tipi, da tutti i mari, ormai riconoscibili con le note sigle Fao…e il numero, ovviamente Fao 37 è il Mediterraneo, tutto il pesce con questa sigla è pescato qui. Non mi dà molte garanzie il fatto che sia pescato nel nostro mare perché  non è molto pulito, preferisco le meravigliose seppie giganti dei mari del Nord, sicuramente meno inquinati anche perché più aperti, con maggiori correnti che portano via gran parte dell’inquinamento. Per non parlare delle stupende spigole o branzini della laguna di Orbetello, quella è pulita e il pesce, viene allevato con le migliori tecniche e alimentato con mangimi vegetali, e si sente dal sapore della sua carne.
Io ho una grande passione per il pesce e in modo particolare per il pesce azzurro che amo cucinare in mille modi. Di quello ne parleremo in altra occasione, adesso pensiamo agli spaghetti ai moscardini.



Ingredienti per gli Spaghetti ai moscardini per 2 persone che hanno molta fame:

500 grammi di moscardini abbastanza piccoli
passata di pomodoro, mezza bottiglia
olio, aglio,  peperoncino, sale
250 grammi di spaghetti della linea bio del pastificio Verrigni

I moscardini sono duri, non sono come il polpo di scoglio, hanno bisogno di cottura lunga ed io li metto nella pentola  a pressione e in 15 minuti sono cotti.
Olio, quello che serve, aglio schiacciato e peperoncino, fate imbiondire appena e poi metteteci i moscardini, rosolateli ben bene e quando sono pronti versateci il pomodoro, o 4/5 pomodori freschi molto maturi o mezza bottiglia di passata, qualunque cosa ci mettiate, lasciatela abbastanza liquida altrimenti nella pentola a pressione può attaccarsi e il sapore non sarebbe buono.
Dopo 15 minuti, se sono piccoli saranno cotti, aprite la pentola, aggiustate di sale, lessate gli spaghetti e conditeli con i moscardini. Mi ero dimenticata, abbondante prezzemolo. I vostri spaghetti ai moscardini sono pronti, gustateli con un vino bianco ghiacciato.

Print Friendly

This Post Has 0 Comments

  1. Erica

    numero fao?! ma dai! questa per me è una cosa nuova ti ringraziol tantissimo perchè adesso correrò subito ad informarmi meglio su questa cosa grazie!

    1. Tamtam

      Si Erica i mari di tutto il mondo sono stati divisi in quadrati e ad ognuno stato dato un numero….farò un post…grazie della visita

  2. Dolcemeringa Ombretta

    Ciao Tamara, sono sincera non lo sapevo neanche io! Vedi sei sempre piena di nuove informazioni:-)
    Che bella presentazione hai fatto alla tua pasta, quando vado in ferie voglio igliorarmi anche io a fare i sughetti, perche’ ora tra il lavoro e latri impegni si va di insalate!!!
    bacioni

    1. Tamtam

      Ombretta farò un post per spiegare la cosa, ma tieni presente che i mari sono stati divisi un quadrati con un numero e il mediterraneo è Fao37,e le pescherie sono obbligate ad esporlo…grazie della visita carissima

  3. Fr@

    Conosco i prodotti dell’acquacoltura di Orbetello.
    Anche io adoro i pesci azzurri, dopo di questi ci sono i molluschi. Ottimi questi spaghetti, i moscardini li faccio spesso così, però non utilizzo la pentola a pressione.

    1. Tamtam

      l’utilizzo della pentola a pressione consente di cuocerli bene e rapidamente, senza tenerli troppo sul fuoco, prova e poi dimmi..ciao Fra

  4. Chiara Giglio

    nell’attesa di un post che prevedo visitatissimo mi …le notizie che ci darai mi interessano moltissimo, un abbraccio !

    1. Tamtam

      adesso comincio a prepararlo…ciao Chiara

  5. Assunta

    Un piatto che amo e che faccio spessissimo, anche io a volte utilizzo la pentola a pressione, aiuta tantissimo! 🙂
    bacioni!

    1. Tamtam

      si fa decisamente prima e vengono cotti meglio…baci

  6. Nicoletta

    Sai che anche io non ho mai fatto attenzione al numero fao quando compro il pesce. Leggo si da dove viene…ma mai il numero. Dovro’ fare piu’ attenzione. Comunque questi spaghetti sono straordinari!!!!

  7. Paola Bacci

    Un piatto spettacolare!!!! Bravissima, baci

  8. Mariabianca

    tuoi piatti fanno venire sempre fame,bravissima.

  9. Mammazan

    Da te c’è sempre da imparare ..
    Non conoscevo questo particolare molto importante del numero Fao…lo terrò a mente.
    E i tuoi spaghetti??
    Semplici gustosi e indimenticabili!
    Un bacione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *