tamara.giorgetti@gmail.com

Risotto al Valpolicella Ripasso

 
Un riso unico al mondo, Acquerello, un vino eccellente e il risultato è un risotto al Valpolicella Ripasso, un vino ottenuto mediante la tecnica del “ripasso” che consiste nel macerare il vino sulle vinacce dell’Amarone, il risultato è un vino più fruttato e corposo. L’unione di questi due prodotti ha dato come risultato un risotto dal sapore che rimane in bocca. Mantecato con un buon burro e un parmigiano abbastanza invecchiato, non troppo forte per non ammazzare il vino. I miei ospiti sono rimasti colpiti.
Ingredienti:

500 grammi di Riso Acquerello
cipolla tritata finissima per soffriggere
500 ml di brodo vegetale per cuocere il riso
500 ml di vino Valpolicella Ripasso
olio evo
burro di buona qualità

parmigiano reggiano grattugiato al momento

In un tegame largo dai bordi alti, io ormai per i risotti uso solamente, la casseruola in ghisa porcellanata di Le Creuset che potete trovare qui, il riso non perde il suo aroma, cuoce con il suo vapore, la pentola conserva tutto, non ci sono sbalzi di temperatura e i chicchi vengono cotti tutti allo stesso modo. Poi per un riso come Acquerello solo una pentola come questa.
Come dicevo, nel tegame, la cipolla tritata finissima, con burro e olio, farla soffriggere, deve essere bionda non bruciacchiata, appena è pronta mettete il riso, e fatelo tostare, il riso si deve impregnare dei grassi, burro e olio, e scaldarsi per sprigionare meglio i suoi aromi (io a volte lo faccio tostare a secco in una padella a parte), quando è pronto cominciate a versare nel tegame brodo vegetale caldissimo, girate, coprite e così fino a metà cottura, cottura totale 15 minuti, nel frattempo mettete a scaldare il vino e quando è caldo versatelo nel tegame, girate bene e coprite. La cottura si dovrebbe ultimare con il vino, ma se dovesse mancare ancora liquido aggiungete del brodo. Qualche minuto prima spegnete la fiamma, metteteci un pezzo di burro e lasciatelo coperto alcuni minuti, riprendetelo, metteteci del parmigiano, giratelo e portatelo in tavola. Non ci sono parole, va solo assaggiato.

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 0 Comments

  1. arabafelice

    Ci credo che dev’essere di un buono incredibile!

  2. lucy

    adoro veramente il risotto e questo mi lascia senza parole!

  3. Rosalba

    Buono!! Mi stai davvero stupendo con tutti questi risotti squisiti! Bravissima Tam!
    Baci

  4. Scarlett:

    la foto finale parla da se!!che acquolina complimenti!!!..baci

  5. Eleonora

    no, tu non mi puoi fare questo Tamara!!! no dico,n ti rendi conto? questi ingredienti sono solo un sogno trovarli!!!
    senza più parole…
    che buono dev’essereeee!!!!

  6. ornella

    Solamente il titolo del post mi ha fatto venire una voglia pazzesca di assaggiarlo e non ti dico davanti alla foto! Complimenti Tamara un risotto stupendo!

  7. Bucaneve

    Mmmmmhhhh, ne sento già il profumo!!! Complimenti!!!

  8. LAURA

    Hai ragione tu si deve solo assaggiare!!!
    Buona giornata

  9. raffy

    ottimo, segno subito la ricetta!!! complimenti…

  10. I fiori di loto

    conosco questo vino e mi piace moltissimo .. anche il risotto sarà sicuramente ottimo!
    complimenti per il tuo blog, da oggi mi aggiungo ai tuoi lettori fissi.
    Paola

  11. SONIA

    ha un ottimo aspetto non oso immaginare che profumo…al solo pensiero mi è venuta fame!

  12. antonella

    buongiorno cara Tamara,sono passata a salutarti, purtroppo non sempre riesco a passare di qua.
    Mi fa tanto piacere quando tu lo fai.
    un abbraccio
    p.s. adoro il risotto….diresti che sono sempre a dieta? ahaha

  13. I fiori di loto

    p.s. ho visto che spacci lievito madre 🙂 .. non ho mai avuto il coraggio di provarlo per paura di non avere il tempo per seguirlo..
    chissà magari un giorno mi butto!

  14. Mari e Fiorella

    Anche tu di risotto?che meraviglia ,prendiamo subito nota…baci pelosi!!!!!!!

  15. Enza

    le ricette che preferisco..pochi ingredienti
    ma di qualita’…bravissima Tam!!

  16. Fannie

    Ti ho assegnato un piccolo premio… Controlla qui http://fanniembody.blogspot.com/2011/05/premio-per-me.html

  17. Damiana

    Colpiti e affondati!!Si,Tamara io ci annegherei in quel risotto dove la mantecatura è fatta con maestria e i prodotti sono eccellenti!!Fortunati i tuoi ospiti,ma anche noi a leggere le tue ricettine!!
    UN abbraccio bella signora e bellissima serata!!

  18. Alessandra

    Bellissimo, e che colore! Volevo chiederti… se si fa il risotto con un vino rosso che e’ stato lasciato aperto un po’ tanto per berselo (non acetoso, ma sicuramente non da bere a meno che uno non sia proprio un alcolizzato!)

    … e’ proprio un reato usaro per un risotto? Il fatto e’ che quella bottiglia non lo vorrei buttare, ho pensato di usarla per cucinare, ma non so se il risotto si rovinerebbe. Forse e’ meglio usarla per uno spezzatino o altro?

    grazie e ciao

    Alessandra

  19. antonio

    interessante

  20. la creatività e i suoi colori

    l’idea mi piace. Proverò

  21. Alessandra

    Grazie per la risposta… ma perche’ lo spaghetto????

  22. Vale

    adoro il risotto al vino… fa una cremina deliziosa, e prende un sapore e un colore unici!!! e poi a guardare la seconda foto vien voglia di mangiarlo via pc!

  23. Lady Boheme

    Ciao carissima, complimenti per il tuo stupendo blog e per questo piatto originale e prelibato!!!! Bravissima per tutto, un bacione, a presto

  24. ~ Cupcakes ♥

    Ciao cara,sto organizzando una raccolta,
    è intitolata “L’estate in tavola”
    Quindi come potrai immaginare solo ricette fresche ed estive.
    La raccolta si chiude il 21 Giugno quindi hai tutto il tempo che vuoi per partecipare!!
    Ti aspetto

  25. ~ Cupcakes ♥

    Ciao cara,sto organizzando una raccolta,
    è intitolata “L’estate in tavola”
    Quindi come potrai immaginare solo ricette fresche ed estive.
    La raccolta si chiude il 21 Giugno quindi hai tutto il tempo che vuoi per partecipare!!
    Ti aspetto

  26. Alessia

    conoscevo il risotto al Chianti, al Lambrusco, al Barolo, al Moscato, ma questo no..d’altronde i vini veneti sono una garanzia, perciò verrà buono per forza.

    Ciao e buona giornata

    Alessia

  27. Alessandra

    Tamara, ho risposto di la’ e copio anche qui: come mi dispiace che hai rotto la pietra per le piadine… anni fa io ho rotto la pentola di terracotta toscana per cuocere i fagioli che mi aveva regalato la mia amica del cuore, anche quella una di quelle cose pesanti che ero riuscita a portarmi dietro e che qui non si trovano :-(. Quanto si puo’ piangere per una pentola??? Mi fa quasi ridere pensarci! Devo fare la filosofica!! hehehe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *