tamara.giorgetti@gmail.com

Risotto ai frutti di mare

A me piace molto il riso e uno dei modi per cuocerlo bene, e che lascia inalterato il suo sapore, anzi lo esalta, è il risotto. E il risotto con i frutti di mare è di rigore in questa stagione.

Ingredienti

Riso Carnaroli per 2 persone (io ne ho messo 2 ramaioli)
seppioline piccole
calamaro
10 gamberoni

3-4 etti di vongole veraci
1 polpo
ovviamente io l’ho fatto per due persone, voi aumentate le dosi a seconda di quanti siete

Prima di tutto lavate il polpo, mettetelo in una pentola con acqua fredda, e i vari odori, carota, sedano, cipolla, gamdo di prezzemolo, portatelo ad ebollizione e calcolate 20 minuti, trascorso questo tempo spegnete il fuoco e fatelo freddare nella sua acqua. Cotto in questo modo diventa tenero anche un polpo di 2 chili.

Mettete in un tegame o una padella con i bordi un pochino più alti olio, aglio e poco peperoncino, fatelo appena imbiondire e versateci, le seppioline, il calamaro tagliato a pezzetti, le vongole fatte aprire in un’altra padella e il polpo a pezzetti. Alzate la fiamma e quando il pesce si colora buttateci dentro un bel bicchiere di vino bianco e fatelo sfumare. Aggiungete poi il riso. Il riso va cotto come tutti i risotti, aggiungendo un po’ per volta (in questo caso o un fumetto di pesce o un brodo vegetale) il liquido con cui lo vogliamo cuocere. Un quarto d’ora dopo il riso è cotto. Mettetelo nei piatti e come guarnizione appoggiateci sopra dei gamberoni che cuocerete separatamente, perché necessitano di una cottura veloce per non rovinare la delicatezza della polpa.

Print Friendly

This Post Has 0 Comments

  1. enza

    che squisitezza……bravissima!!

  2. Tamtam

    grazie Enza…ho avuto dei problemi di visibilità, ma adesso è tornato tutto a posto…grazie della visita

  3. DIANA B

    Ciao amica maremmana,
    adoro la tua terra e quando vado in vacanza corro a Sovana e dintorni.
    Le tue squisitezze mi fanno venire una fame….alla faccia della linea !!!
    Ne sto copiando qualcuna.
    Sono anch’io toscana, ma dell’Alta Toscana, di Massa.
    Un abbraccio toscano
    Bruna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *