tamara.giorgetti@gmail.com

Pasta avanzata, un tortino il giorno dopo

Un Tortino Di Pasta Avanzata

Questo post partecipa al “Calendario del Cibo Italiano 2016 – AIFB” e piu’ esattamente alla sezione “Settimana degli Avanzi”. Ambasciatrice della Settimana degli Avanzi è Cinzia del blog Cindystarblog.

“Pasta avanzata, un tortino il giorno dopo”. Oggi si ricicla la pasta. Sabato sera “cacio e pepe” piace a tutti, è superveloce, basta un buon pecorino romano, degli spaghetti ottimi e un pepe nero degno di questo nome. C’è un ingrediente importante però: bisogna saperli fare. Di solito mi vengono bene, il segreto? Creare la famosa cremina e per fare questo bisogna girare forte forte la pasta con qualche cucchiaio di acqua di cottura e la cremina arriva, sono una delle preparazioni che preferisco. Tutti avevano molta fame  e io che ho sempre paura che il cibo manchi in tavola quindi ho messo una quantità eccessiva e l’avanzo è finito il giorno dopo nel tortino.

Timballo di pasta riciclata V1

Ingredienti per fare un tortino con la pasta avanzata:

  • 150 g di pasta avanzata, io spaghetti cacio e pepe ma possono essere con tutti i condimenti
  • 2 uova
  • poco sale, ricordatevi che c’è il pecorino

Sbattete le uova in modo da far incorporare molta aria, unite la pasta e giratela bene, aggiungete il sale. Imburrate uno stampo da timballo e spolveratelo con il pangrattato e accomodateci gli spaghetti, infornate a 180 °C per 40 minuti, o fino a doratura, vedete come sono croccanti sopra, sono ottimi e ogni tanto ci possiamo concedere un avanzo di pasta.

timballo di pasta riciclata

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 3 Comments

  1. Paola

    Cacio e pepe.. non la farei avanzare neanche se ci buttassi mezzo chilo di pasta. ahah. Scherzi a parte, è buonissima 🙂 E anche noi, quando avanziamo la pasta ci facciamo la frittata o li facciamo arruscatielli 🙂

    1. TamTam

      Ne ho mangiata fino a scoppiare ma è avanzata lo stesso, il tortino gli ha reso giustizia 😉

  2. cinzia

    Come un avanzo quotidiano può rigenerarsi in una pietanza anche più scenografica: sulla bontà non c’è neanche da discutere :-))
    Grazie per aver condiviso questa ricetta nella Settimana degli Avanzi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *