tamara.giorgetti@gmail.com

Pane tedesco alla birra

Ho preso la ricetta di questo meraviglioso e profumatissimo pane dal mio solito libro Sale e Pepe collection di diversi anni fa, questo libro è una fonte di bellissime ricette, “pane dal mondo”… ed io li sto facendo un po’ tutti, ricette facili e difficili, ma tutte ben spiegate e di risultato garantito.
Come ho già detto in altre occasioni, amo molto il pane nero, mi piacciono le farine “grosse” le trovo molto saporite e buone da mangiare con burro, marmellata, miele, salmone, aringhe (nel cibo sono molto nordica!) e quando trovo ricette di pane nero mi cimento molto volentieri.
Questo pane è fatto con lievito di birra, (appena 5 grammi, ma una lievitazione lunghissima, primo impasto la mattina alle 10 e cottura il giorno dopo verso le 18) la prima volta che faccio un pane non uso mai il licoli perché non conosco la ricetta, la volta successiva quasi sempre.
Ingredienti:
5 grammi di lievito di birra fresco bio
1 cucchiaio di estratto di malto
1 cucchiaio di miele
330 ml di birra di malto o di birra scura
400 grammi di farina bianca (io O)
100 grammi di farina di segale
100 grammi di farina integrale
1/2 cucchiaino di sale
25 grammi di burro
birra per spennellare
segale o grano per decorare (io semi di zucca e semi di girasole)

Ho sbriciolato il lievito in una ciotola, ho aggiunto l’estratto di malto, il miele e la birra e ho mescolato fino a quando il lievito si è completamente sciolto.
A questo punto ho messo le farine e il sale nella macchina del pane, programma impasto, ho aggiunto il burro, l’impasto con il lievito e ho fatto lavorare fino ad ottenere un impasto sodo e meno appiccicoso. Ho rimesso nella ciotola, ho coperto con pellicola e lasciato lievitare tutta la notte in una stanza molto fresca e la mattina per esigenze mie l’ho messo in forno, con la luce accesa fino alle 14 del pomeriggio: era più che raddoppiato. A questo punto l’ho ripreso, messo sulla spianatoia, sgonfiato, formato nuovamente una palla, messo in una teglia e la teglia dentro ad un sacchetto di plastica leggermente gonfio. Ben chiuso dentro al forno con la luce accesa, altre 4/5 ore, fino al raddoppio. Poi forno a 200°C, spennellare il pane con la birra, cospargerlo di semini vari, incidere con coltello affilato la superficie. Cuocere per 40 minuti, poi abbassare il calore del forno e tenerlo ancora direttamente sulla griglia fino a che, picchiettando sul fondo produrrà il classico suono di pane cotto. E’ un pane da provare.

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 0 Comments

  1. Federica

    Non ho mai usato la birra per un lievitato ma i pani rustici con i semi mi piacciono da morire e le lunghe lievitazioni le trovo anche comodissime oltre a dare un prodotto molto più leggero e gustoso. Ha un aspetto magnifico la tua pagnotta. Baci, buona domenica

  2. ornella

    Cara Tamara che dire…è bellissimo e chissà che buono! Grazie per la ricetta! Anche a me piace molto il pane nero, domani andrò a comprare la birra!! Potrebbe diventare la prima ricetta per l’idea di Anna, che ne dite? Tanti baci e buona domenica!

  3. Tamtam

    Grazie carissima, neppure io lo avevo fatto, ma assaggiato sì, in effetti le lunghe lievitazioni ti danno un prodotto leggero e praticamente quasi digerito….la prossima volta lo faccio con il lievito madre….buona domenica anche a te…

  4. Tamtam

    @Ornella è veramente buono….anche io stavo pensando di chiedere ad Anna di fare questo come prima ricetta per il “nostro” progetto…proviamo a sentirla, baci anche a te

  5. Ely

    anche io ho provato a fare il pane alla birra è me lo ricordo delizioso e profumato il tuo poi è ricco di semi e farine diverse davvero buonissimo! ciao Ely

  6. Manu

    Ciao cara
    ti è venuto benissimo …….. io ammennto che non amo molto il pane nero o scuro, preferisco un pane più mediterraneo e infatti in questi giorni ne sto sperimentando uno lunigiano che sta venendo una favola ……… condivido invece pienamente l’idea che la prima volta che si fa una ricetta bisogna che sia molto vicina all’originale e quindi in questo caso usare il lievito di birra invece del lievito liquido

    ciao e buona serata
    Manu

  7. antonella

    ciao tamara , adoro fare il pane, io ho tutti gli ingredienti , mi manca il malto, cosa metto al suo posto?
    aspetto una risposta.
    buona domenica
    baci

  8. Tamtam

    @Antonella al volo perché sto uscendo, magari ci risentiamo stasera….un cucchiaio di miele in più, infatti anche io avevo finito il malto e ho messo due cucchiai di miele, basta che sia miele molto buono… ti lascio anche la mia mail: tamara.giorgetti@gmail.com

  9. anna

    Caspita, che meraviglia!
    Mi avevi detto che il tuo forno non fa scurire il pane, in questo caso è merito della birra?
    Per il nostro progetto, penso che si possa fare, mi sta bene!
    Sono d’accordo con voi.
    Baci, vado a nanna.

  10. Tamtam

    Anna ti ho risposto prima dalla mail, non avevo visto il commento….ok vada per questo….baci

  11. Aurelia

    Ciao Tamara,
    questo mani mi affascina…ti prendo la ricetta, e mi metto subito all’opera, deve essere molto particolare !
    Grazie
    Aurelia

  12. Dana

    Un pane saporito, immagino. Molto digeribile e certamente ottimo. Per me, che amo il dolce, con il miele o la marmellata, a colazione. Una goduria. Appena mi riparano il forno è certamente da provare.
    A presto!

  13. Enza

    ma che bello… con tutti quei semini..
    bravissima Tam!!
    baci
    Enza

  14. speedy70

    Ciao Tamtam, piacere di conoscerti con questo straordinario e gustosissimo pane, io adoro panificare in casa!!! Mi iscrivo come tua sostenitrice, così non ti perdo di vista; se vuoi passare a conoscermi e contraccambiare, ne sarei felice!!!! Un abbraccio, alla prossima ricetta. . .

  15. Felix

    Questo pane è davvero eccellente! Appena mi decido a risvegliare il mio LM senza glutine dal suo freddo sonno… lo trasformo in lievito liquido e ci provo di nuovo!
    Grazie Tamara 🙂

  16. Cucina Amore Mio

    Ho preso questa ricetta: era proprio quello che avevo in memte: un pane con la birra scura.
    Appena posso mangiare tutto (sto facendo una dieta per capire se la situazione che ho alla pelle è un’allergia alimentare) lo faccio e ti dico.
    Dann/www.cucinaamoremio.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *