tamara.giorgetti@gmail.com

Pane alla zucca e noci

Associazione nazionale città dell’olio e Associazione italiana food blogger, di cui faccio parte,  hanno dato vita al contest Girolio d’Italia #imagnifici6, il protocollo siglato darà vita ad altre interessanti manifestazioni, questa è stata organizzata per celebrare il ventennale dell’Associazione nazionale città dell’olio.
Altre informazioni le trovate nel sito dell’Aifb – Associazione italiana food blogger qui.
pane alla zucca e noci
BANNER CONTEST

Pane alla Zucca e Noci. Il pane era già noto all’homo erectus, la sua preparazione avveniva macinando dei cereali fra due pietre, e il prodotto così ottenuto era a sua volta mescolato con acqua. L’impasto finale veniva cotto su una pietra rovente. Gli egiziani intorno al 3500 a.C. scoprirono che quei semi macinati e mescolati all’acqua, se si lasciavano un giorno all’aria e si mettevano a cuocere il giorno dopo, davano un prodotto molto più soffice con una fragranza maggiore. Gli egiziani avevano scoperto oltre al modo di nutrirsi anche quello di arricchirsi: era nato il pane come lo conosciamo oggi.
Pane alla zucca e noci
Dall’Egitto l’arte della panificazione passò in Grecia. I greci divennero ottimi panificatori, ne producevano più di 70 qualità. Aggiunsero alle ricette di base ingredienti come latte, olio, formaggio, erbe aromatiche e miele. Furono anche i primi a preparare il pane di notte.
Tanto è passato e nei secoli il progresso ci ha fatto dimenticare le buone abitudini, il pane è sicuramente peggiorato, siamo arrivati a mangiare solo pane comprato, sempre più artefatto, pane gonfiato fatto con farine piene di miglioratori e vere bombe di lievito che provocano grandi mal di pancia e tante allergie in aumento soprattutto nei giovani.  La situazione ha avuto un arresto obbligatorio e siamo tornati a curate la nostra alimentazione, ha prevalso la necessità e la voglia di mangiare in modo più sano e siamo tornati a fare il pane in casa, con lievito madre, o con pochissimo livito di birra e lunghe lievitazioni.
Siamo tornati a fare il pane a mano a casa e lo facciamo in tanti modi con tanti ingredienti, nel nostro pane ci finisce di tutto, frutta, verdura, semi oleosi, frutta secca,  e sicuramente il pane fatto in casa è più buono e più sano.
Ecco la mia ricetta per il contest Girolio d’Italia: Pane alla Zucca e Noci.

Ingredienti per Pane alla Zucca e Noci

stampo da plumcake da 21,5×11 cm

  • 500 grammi di zucca pulita, (sbucciata  privata dei semi e filamenti) fatta a pezzetti e cotta a vapore
  • 60 grammi di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di noce moscata grattugiata
  • 50 grammi di burro fuso
  • 3 uova sbattute
  • 350 grammi di farina O – zero –
  • 50 grammi di lievito madre essiccato
  • 1 cucchiaino di sale
  • 75 grammi di noci fatte e pezzetti

Cuocete la zucca meglio se al vapore assorbe meno acqua, io l’ho messa dentro al cestino dentro ad una pentola e in 15 minuti era cotta, fatela scolare un po’ e quando è fredda  schiacciatela con una forchetta.
Prendete 257 grammi di purea di zucca e mettetela in una terrina e aggiuntevi lo zucchero, la noce moscata, il burro fuso le uova e mescolate e il sale.

 

Pane alla zucca e noci
Setacciate la farina e mischiatela al lievito,  versate il composto di zucca al centro della farina e mescolate, io ho messo tutto nella planetaria e ho fatto impastare bene. Ho dato all’impasto una serie di pieghe e messo nello stampo imburrato e infarinato o rivestito di carta forno a lievitare per alcune ore, dipende dal caldo che avete dentro casa, ma in 2/3 ore lievita molto bene.
Portate  il forno a 180°C e infornate  per 45/50 minuti.  Fate la prova se è cotto e toglietelo dallo stampo lasciandolo per 5/10 minuti nella griglia del forno appena spento. Ottimo con i formaggi e con il miele, io l’ho mangiato con gorgonzola e miele austriaco, provatelo.

pane alla zucca e noci

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 2 Comments

  1. patrizia

    Meraviglia questo pane! Se non avessi già in lievitazione il mio avrei provato questo!! Deve essere delizioso! Ciao, Patrizia

  2. Maria Teresa

    Tamy questo pane è fantastico, appaga i sensi del gusto e dell’olfatto. Sei bravissima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *