tamara.giorgetti@gmail.com

Lumache………..rimesse in libertà

Stamattina sono andata al mercato rionale, quello coperto dove vado da tantissimi anni, e al solito banco dove compro le mie verdure (borragine, rucola, graspignoli ecc.) c’era un bellissimo cesto di lumache… le compro! è stato il primo pensiero e domani le cucino, c’è una meravigliosa ricetta maremmana per le lumache..sono buonissime. Le compro le metto in una sacchetto di carta e le porto a casa. A casa prendo un certo di vimini ci metto le lumache, che intanto avevano cominciato a tirare fuori le piccole corna, e siccome  ho messo farina e crusca hanno cominciato a mangiare, sopra al cesto ho messo una rete e le ho messe in terrazza, pensando di cominciare a cuocerle nel pomeriggio. Ogni tanto andavo a vederle e le immaginavo dentro l’acqua fredda che poi comincia a diventare calda e loro tirano fuori la testa perché avvertono il calore che arriva….no! in quel momento ho deciso che io quelle lumache non le avrei mangiate mai, perché non le avrei cucinate. Mi sono sentita subito più sollevata, l’ho comunicato a mio marito, che ha approvato e siccome nel nostro palazzo c’è un bellissimo cortile tutto pieno di piante, fiori, giardini e uccellini, ci potevano stare anche le lumache no? Con la complicità del buio mio marito le ha portate nel cortile e sicuramente il cortile non sarà il campo dove sono nate, ma meglio lì che in pentola! Magari qualcuna finirà in bocca a qualche uccello, qualcuna farà un’altra fine…ma come si dice…quello fa parte del ciclo della vita…finire nella mia pentola sicuramente no. Cosicché la ricetta delle lumache non la metterò mai…ma sono molto contenta.

Print Friendly

This Post Has 4 Comments

  1. Zulia

    🙂
    Bravissima!!!Anche io non ce l’avrei fatta!!!!
    Buona domenica! Zu

  2. Tamtam

    Con la pioggia di oggi le mie lumachine saranno felicissime…

  3. Cassandrina

    E vai…1 a 0 per le lumache!!
    Delizioso post e tante bellissime ricette della tradizione che è veramente un patrimonio prezioso che merita memoria e conoscenza.

    Un caro saluto…………Fabi

  4. Lucia

    Un racconto quasi poetico… Brava! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *