tamara.giorgetti@gmail.com

“La parte più tenera” di Ruth Reichl, Stufato di maiale

Stufato-di-maiale-alla-birra

“La parte più tenera” di Ruth Reichl, Stufato di maiale. “Ho divorato quel libro”. È proprio il caso di dirlo perché il libro in questione noi ce lo siamo proprio divorato con la nuova rubrica di  “Mangia&leggi” di MagAboutFood. Divoreremo tanti libri e vi lasceremo tante ricette, molto spesso sconosciute. Si legge nell’articolo di Annarita Rossi, che trovate qui, che l’autore, senza saperlo ha inventato il food writing diventando la critica gastronomica più famosa d’America, raccontando della sua infanzia e della Regina della Muffa, sua madre , la quale “deliziava” gli ospiti con cibi spesso andati a male. Cercando di salvare i commensali, Ruth capisce che il cibo può essere pericoloso, può allontanare ma anche unire anime affini, come le succederà più avanti con la domestica di origini aristocratiche, la sig.ra Peavey e Alice, la domestica caraibica. Sarà solo più tardi, in casa di aristocratici che sperimenterà cibo di qualità e ne intuirà la potenza. “Senza accorgermene, iniziai a dividere le persone secondo i loro gusti. Come un bambino con un buon udito nato da genitori sordi, fui plasmata dall’handicap di mia madre, e scoprii che il cibo poteva essere una maniera per dare senso al mondo”.

Bene, noi vi porteremo in questo mondo magico del cibo nei libri. A tutti piace incontrare, mentre leggiamo un libro una frase che parla di cibo o addirittura una ricetta, ecco nella nostra rubrica troverete questo. Intanto oggi deliziatevi con la prima parte della nostra rubrica con tante meravigliose ricette. La mia ricetta è “Lo stufato di maiale alla birra” e come tutte le ricette con la birra è un tripudio di profumi e sapori, ve lo consiglio e vi rimando per la ricetta qui, nella rubrica Mangia&leggi

Stufato di maiale alla birra

Ingredienti per “Stufato di maiale dello swallow alla birra”:

  • 1 kg di spezzatino di maiale tagliato a cubi
  • 1 bottiglia di birra da 33 cl
  • olio, aglio,

Per 6 persone:
10 cucchiai di olio extravergine d’oliva
8 spicchi d’aglio pelati e privati del germoglio
1 kg di carne di maiale da spezzatino tagliata a cubetti
1 bottiglia di birra scura da 33cl
300 ml di succo d’arancia
500 g di pomodori tomatillos, tagliati a metà
800 g di pomodori maturi, pelati e tagliati a cubetti
2 grosse cipolle tritate
1 mazzetto di coriandolo fresco
2 peperoncini rossi piccanti tritati
1 lattina da 400 g di fagioli neri
il succo di 1 lime
¼ di panna acida

Mettete l’olio in una casseruola grande e fatelo scaldare. Aggiungete l’aglio pelato e privato dell’eventuale germoglio e quindi la carne, un po’ per volta. Fatela rosolare su tutti i lati, deve perdere tutta l’acqua e quando comincia a sfrigolare vuol dire che è pronta, passatela in un piatto e conditela con pepe e sale.
Intanto mettete la birra e il succo d’arancia in una seconda pentola, aggiungete i tomatillos e i pomodori e portate a ebollizione. Abbassate il fuoco e fate cuocere per 15/20 minuti fino a che i tomatillos non saranno morbidi, togliete la pentola dal fuoco e tenetela da parte.
Rimettete sul fuoco la casseruola dove avete rosolato il maiale, unite le cipolle e fate cuocere, dovranno essere morbide e dorate, rimettete i pezzi di carne nella casseruola e aggiungete il coriandolo tritato, il sale e il pepe.
Aggiungete i peperoncini e la preparazione di birra e pomodori. Portate a ebollizione, abbassate il fuoco, coprite con un coperchio lasciando uno spiraglio e cuocete per due ore.
Assaggiate per correggere il sale e aggiungete i fagioli neri, già cotti e cuocete ancora dieci minuti.
Versate il lime nella panna acida e servire lo stufato con riso bollito e panna acida.

Il resto andate a leggerlo qui, nella nostra rubrica  e lì troverete le altre ricette.

 

Buona giornata e alla prossima

 

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 2 Comments

  1. Katia Zanghì

    Golosissimo e foto da sogno. Grande!

    1. TamTam

      Grazie Katia, è davvero molto buono, lo consiglio 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.