tamara.giorgetti@gmail.com

Gnocchi di grano saraceno con melanzana affumicata su fonduta di grana

Gnocchi O2

Gnocchi di grano saraceno con melanzana affumicata su fonduta di grana. La sfida sta entrando nel vivo, come si dice in queste occasioni e stanno venendo fuori tante ricette alcune interessanti, diverse da provare adattandole magari ai propri gusti. E’ interessante vedere farine sempre meno raffinate che rendono gli gnocchi più saporiti accanto a condimenti con le prime verdure invernali che cominciano a fare capolino nei banchi dei mercati, una sfida così in pieno inverno sarebbe stata ancora più interessante, immagino una farina di carciofi, di broccoli, e vi prometto che le proverò, ormai mi sono lanciata, ho sempre amato gli gnocchi ma li ho sempre tenuti un po’ a distanza, guardati un po’ da lontano con rispetto e anche paura, li ho fatti sempre molto di rado, ci voleva una sfida sfidare me stessa.
La ricetta partecipa alla sfida n° 59 dell’Mtchallenge, vinta da Annarita del  blog Il Bosco di Alici con la sua pizza.

Ho pensato di fare degli gnocchi di grano saraceno con melanzana affumicata su fonduta di grana. Uso molto la farina di grano saraceno, ho sempre la mia scorta di pasta di grano saraceno  e i pizzoccheri in inverno si fanno almeno un paio di volte al mese, è una farina senza glutine perché il grano saraceno non è un cereale, ha un sapore corposo e il risultato è sempre soddisfacente. Per racchiudere il ripieno che avevo scelto  mi è sembrata adatta questa farina, due sapori forti che non si sono annullati, sono rimasti ben distinti, anche se quello della farina è molto più delicato.

 

gnocchi di grano saraceno e melanzaneV5

questa fotografia partecipa al premio fotografico 30mm

 

Per gli gnocchi ho messo a cuocere nel microonde le patate a buccia rossa di Viterbo, cotte nel microonde le patate non prendono acqua, poi le ho impastate con un uovo e la farina di grano saraceno, un po’ meno del solito perché le patate cotte al microonde ne richiedono meno sono più asciutte. Per il ripieno degli gnocchi ho cotto con affumicatura le melanzane e quindi le ho ridotte in purea, le ho condite con provola affumicata e parmigiano, sale e pepe.
Per il condimento mi sono affidata ad una fonduta di grana e sopra per contrastare un po’ i sapori eccessivamente dolci ho fatto insaporire dell’olio extravergine con delle foglie di menta. Tanti sapori tutti ben distinti ma fusi insieme. Quando si mette in bocca metà gnocco si percepiscono i sapori, la melanzana affumicata con la provola, e l’olio alla menta, insieme al sapore della farina di grano saraceno. Andiamo alla ricetta.

banner_sfidadelmese59-768x367

 

Ingredienti Gnocchi di grano saraceno con melanzana affumicata su fonduta di grana:

per gli gnocchi

  • 600 g di  patate gialle a buccia rossa di Viterbo
  • 140 g di farina di grano saraceno
  • 1 uovo
  • sale

per il ripieno

  • 1 melanzana viola scuro media
  • 30 g di provola affumicata stagionata e grattata
  • 20 g di grana grattugiato
  • pepe appena grattato e sale

per la fonduta di grana

  • 70 ml di latte
  • 40 g di grana
  • 5 g di fecola di patate
  • una grattata di noce moscata
  • 50 ml di olio extravergine d’oliva
  • delle foglie di menta

Per prima cosa cuocete la melanzana, Avvolgetela in carta alluminio e mettetela a diretto contatto sulla fiamma del gas al minimo, su uno spandifiamma. Giratela spesso e quando sarà mordiba sarà cotta quindi toglietela e fate raffreddare. Apritela a metà e raschiare con un cucchiaio la polpa, mettetela in un passino e lasciatela scolare per almeno un’ora, contengno molta acqua ed è meglio farle scolare. UNa volta pronte conditele con i formaggi, il sale e il pepe, amalgamate tutto e mettete da una parte.

Punzecchiate la buccia delle patate dopo averle lavate e avvolgetele una per una in fogli di carta scottex bagnata, mettetele nel piatto del microonde e  accendete per 10 minuti alla massima potenza, a metà giratele e poi lasciatele finire di cuocere,  se non bastasse lasciatele ancora fino a che non saranno morbide. Scegliete patate  di media grandezza e possibilmente tutte ugual e una volta pronte sbucciatele e passatele subito o al passaverdure o allo schiaccipatate, disponetele sulla spianatoia allargandole perché perdano umidità perdendo calore.
Quando saranno meno calde cominciate ad impastare aggiungendo sia l’uovo che la farina e il sale. Non lavorate molto l’impasto altrimenti gli gnocchi verranno gommosi, lavorateli fino a quando prenderanno la farina e non appiccicheranno più.
Staccate dei pezzi di impasto e fate delle piccole schiacciate rotonde, mettete al centro un po’ di impasto di melanzana e richiudete bene che non ne esca durante la cottura. Infarinateli molto bene per non farli attaccare con la semola che non rimane attaccata e si disperde nell’acqua di cottura.
Per la ricetta della fonduta di grana padano, portate a bollore il latte in cui avrete disciolto la fecola e una grattatina di noce moscata, sale e pepe, poi spegnete e aggiungete il grana grattugiato. Mescolate bene fino a che il formaggio sarà ben amalgamato.  Mettete l’olio in una padellina e fategli prendere i profumi della menta per pochi minuti senza bruciarlo.
Cuocete gli gnocchi in acqua salata e quando verranno a galla raccoglieteli con la schiumarola, metteteli in un piatto con sotto un po’ di fonduta e la stessa fonduta versatela anche sopra e poi versateci l’olio profumato alla menta. Serviteli caldi.

10262048_1178183302209496_833399495676497946_n-300x170

gnocchi di grano saraceno e melanzane con menta su fonduta al grana

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 6 Comments

  1. Cristina Galliti

    Bella ricetta Tamara!

    1. TamTam

      Grazie Cristina, non sono soddisfatta al 100%, non si lavora molto bene la farina di grano saraceno però erano buoni 😉

  2. Annarita Rossi

    In pratica sono gnocchi senza glutine, mi sarei aspettata che tu la mescolassi con altra farina perchè da sola non è facile lavorarla, se ti è riuscito e mi pare proprio di sì sei stata brava. Anche il sapore sarà stato deciso. Il ripieno mi piace molto, melanzana affumicata e provola sono decisi e convincenti, il tutto avvolto dalla fonduta. Un piatto completo oserei. Brava.

    1. TamTam

      Grazie Annarita, sì è una ricetta senza glutine, non è stato facile ma ce l’ho fatta, volevo che fosse preminente il sapore del grano saraceno che amo, mi sono piaciuti anche se non sono perfettamente tondi, l’idea era di farli più piccoli e un pochino più tondi ma non si lavorano bene, grazie ancora 😉

  3. Kika

    Premetto che amo il grano saraceno, nel mio blog è così presente da farmi risultare quasi noiosa. Una volta ho provato a fare i pizzoccheri senza tagliare la farina e il gusto non mi era piaciuto molto, diciamo che avevano un sentore quasi fossero fatti di segatura. Un po’ come usare la farina di mais in purezza, a mio avviso non ci sta. Forse l’uovo migliora un po’ l’impasto, donando umidità, ma non sono del tutto convinta. Utilizzando poi la melanzana affumicata, privandola dell’acqua, ho la sensazione che il tutto sia troppo “asciutto”. se invece penso esattamente ai tuoi gnocchi, fritti, in modo che il guscio sia croccante e l’interno morbido, beh l’accostamento dei sapori è perfetto.
    Scusa la critica, spero sia vista nel modo giusto. Ovviamente non ho assaggiato il piatto, mi riferisco solo a mie esperienze passate.

    1. TamTam

      No non mi crea nessun problema la tua critica, io ho usato solo il grano saraceno, è una farina che conosco bene perché faccio i pizzoccheri e la uso anche per il pane, provali ti posso dire solo questo, gli gnocchi devono essere asciutti altrimenti si disfano nell’acqua, l’uovo tiene insieme il tutto, ma siccome non sei convinta la cosa migliore è provarli, io li ho fatti, ripienati, cotti e mangiati, erano ottimi e li farò di nuovo. Scusa ma come possono essere asciutto inondati da una cascata di fonduta…quansi impossibile, se ami questa farina ti piaceranno. Sono l’unica che ha usato il grano saraceno in purezza tutte hanno tagliato con la doppio zero che io non uso, fammi sapere, saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *