tamara.giorgetti@gmail.com

Crostata di pasta frolla e pasta brisée con confettura di mele cotogne

Crostata Con Confettura Di Cotogne

Crostata di pasta frolla e pasta brisée con confettura di mele cotogne.

Sulle crostate non c’è molto da dire, soprattutto di nuovo, sono ottimi dolci da credenza, se si riesce a farle durare qualche giorno, a casa mia no, le crostate hanno vita breve, mio marito le adora più di ogni altro dolce e anche il figlio non disdegna. A me piacciono molto ma soprattutto mi piace decorarle, ho una passione per le crostate decorate. Non posso paragonarmi neppure lontanamente alle bellissime decorazioni geometriche che si vedono su Pinterest o su Ig, le guardo con ammirazione e basta. Ho la pazienza ma non ho tutto il resto. E ora godetevi la mia crostata di pasta frolla e pasta brisée con confettura di mele cotogne. La pasta frolla è quella di Iginio Massari, la frolla Milano, la mia preferita.

 

Ingredienti per “Crostata di pasta frolla e pasta brisée con confettura di mele cotogne”:

per la frolla Milano di Iginio Massari:

  • 200 g di burro
  • 75 g di zucchero a velo
  • 40 g di miele di acacia
  • 1 tuorlo
  • 2 g di sale sciolto con pochissima acqua
  • 1 semini di un baccello di vaniglia
  • la scorza grattata di 1 limone di giardino
  • 300 g di farina debole, va bene una doppio zero – OO –
  • 1 barattolo di confettura di mele cotogne che trovate qui nel mio blog

Si comincia mettendo il burro morbido, ma sempre plastico, non troppo sciolto, se il burro dovesse essere troppo liquido la frolla sarà dura. Aggiungiamo lo zucchero a velo, aggiungiamo il miele che conferirà una colorazione alla nostra frolla. Cominciamo a lavorare a bassa velocità per far assorbire al burro sia lo zucchero che il miele, andiamo avanti senza far montare il burro, aggiungiamo quindi il tuorlo d’uovo. Sciogliamo il sale nell’acqua e aggiungiamolo all’impasto, quindi apriamo il baccello di vaniglia e prendiamo i semini, uniamoli all’impasto e facciamo la stessa cosa con la scorza del limone, grattando solo la parte gialla. Setacciate la farina e aggiungetela all’impasto, continuate a lavorare fino a far assorbire tutta la parte grassa alla farina, non troppo altrimenti il risultato sarà una frolla troppo dura, se troppo poco la cottura non sarà uniforme. Quando non si vedrà più la farina stoppate la planetaria, sarà pronta, e poi il trucco di Massari per capire se la frolla è pronta, prendetene un pezzetto in mano e fatela girare, se la vostra mano rimarrà pulita la nostra pasta sarà pronta, fate un panetto e mettetela in frigorifero, anche fino al giorno dopo, comunque almeno due ore.

per la pasta brisée:

  • 200 g di farina O
  • 100 g di burro freddo
  • 50 g di acqua fredda
  • stampini a stella di varie misure

Sabbiate il burro con la farina, io uso il mixer, in pochi secondi ottengo un ottimo risultato, poi aggiungete l’acqua molto fredda e in pochi secondi avrete la vostra pasta brisée pronta. Versate l’impasto nel piano di lavoro e raccogliete le briciole formando un panetto che avvolgerete e metterete in frigorifero a riposare.

Riprendete la pasta frolla, spolverate il piano di lavoro e con il mattarello stendetela all’altezza che volete e la grandezza che vi serve, arrotolatela sul mattarello e posatela sopra allo stampo precedentemente imburrato. Accomodatela bene con le mani e pizzicate i bordi così da avere un bel contorno. Stendete bene la confettura sulla pasta, livellatela con un cucchiaio. Riprendete la pasta brisée e stendetela con il mattarello su un piano spolverato. Io ho usato gli stampini a stella per togliere della pasta e fare le decorazioni, voi potete anche usare stampini a cuore o a foglie, decidete come procedere, ricordatevi di riutilizzare la pasta che togliete incollandola con dell’uovo sbattuto sul bordo. Io ho ritagliato tante stelline piccole e ho decorato tutto il bordo. Spennellate la superficie della crostata con uovo sbattuto così sarà lucida e colorata dopo la cottura.

Crostata con confettura di cotogne e decorazioni

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 2 Comments

  1. edvige

    Io passo, leggo, prendo nota e passo di nuovo a figlia chissà lei la fa ed un piccolo pezzetto per me… che dolci non posso. Buona serata

    1. TamTam

      Grazie Edvige, un pezzettino assaggialo, vale la pena ;), ringrazia tua figlia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.