tamara.giorgetti@gmail.com

Crni rižot, risotto al nero di seppia

Risotto Nero

L’Abbecedario culinario mondiale è finito, ultima tappa quella croata di Francesca Carloni del blog Ricette e vignette, e questa è la mia ricetta: Crni rižot, risotto al nero di seppia. E’ finito il nostro viaggio  cominciato ad ottobre del 2014 con l’Oceania,  tante città, tante realtà, tante ricerche per trovare piatti spesso difficili da realizzare, realtà dove si cucinano licheni o pinguini, per fortuna alla base antartica  Juan Carlos 1 al polo sud ci sono gli chef che si alternano e cucinano cibo fresco dei paesi che sono presenti alla base. Siamo arrivate in Siberia all’Africa, abbiamo girato l’Europa intera, l’Asia e le due americhe, purtroppo la mia presenza è stata scarsa negli ultimi mesi per cause varie, voglio però essere presente all’ultima tappa e ringraziare tutte le mie amiche viaggiatrici e la nostra cara capa, Eloisa di Trattoria Muvara colei che ha progettato l’abbecedario e ci ha spesso sopportato. Non so se il nostro viaggio continuerà, di paesi ce ne sono ancora tanti da visitare, sarebbe bello completare il mondo. Per la tappa odierna tutte le informazioni nel blog di Francesca. La Croazia l’ho visitata quando faceva ancora parte della Federazione Juglosava, terra bella di grandi spiagge famose e caraibiche, Brela, Baska Voda, Makarska, una riviera da visitare.

 

risotto nero

da Wikipedia: La Croazia è una repubblica parlamentare e la lingua ufficiale è il croato. La Regione Istriana, comprendente la maggior parte dell’Istria, adotta ufficialmente il bilinguismo (croato e italiano), ma la sua attuazione varia a livello comunale.

La Croazia tra il 1102 e il 1918 fu unita al Regno d’Ungheria, seguendone le sorti; successivamente ha fatto parte della Jugoslavia fino al 1991 divenendone indipendente all’inizio delle guerre dei Balcani. La Croazia ha aderito alla NATO il 4 aprile 2009 e dal 1º luglio 2013 è il ventottesimo Stato membro dell’Unione europea. Attualmente la festa nazionale croata (così come quella slovena) ricorre il 25 giugno, anniversario della dichiarazione d’indipendenza del 1991.

logo abc mondiale

da Wikipedia. Il cibo. Le regioni della costa sono caratterizzate dagli influssi dei Greci, Romani, Illiri; poi dei Veneziani e più tardi anche dalle cucine italiana e francese. Molti dei piatti tipici diventati famosi sonoa  base di pesce servito con verdure e patate, anche i frutti di mare vengono serviti con patate e verdure, frutti di mare, vongole (mušule), gli scampi (škampi), le ostriche (kamenice) e i mitili (dagnje). Un antipasto estivo molto comune è la salata od hobotnice, un’insalata di pollo con patate, cipolline e polpo. Gli influssi della cucina italiana (e specificatamente di quella veneziana) sono presenti nei risotti (rižot), come lo crni rižot, il risotto al nero di seppia, o il rižot sa škampima, il risotto ai gamberetti. I dolci sono pochi, e il più comune è la palačinke (crepes), serviti con nocciole, marmellata o cioccolato. Nei dintorni di Ragusa si può assaporare la rožata, simile alla crême brulée, mentre sull’isola di Lissa il dolce tipico è la pogača, una focaccia sottile farcita. In Croazia famosi anche i ćevapčići.

Ingredienti per Crni rižot, risotto al nero di seppia:

  • 2 seppie medie pulite con il loro sacchetto di inchiostro
  • 2 spicchi di aglio
  • 200 g di riso arborio o carnaroli
  • bordo di pesce, preparato precedentemente con teste e lische oppure con il dado
  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • prezzemolo
  • un bicchiere di vino bianco secco

Tagliate le seppie a striscioline lasciando interi i tentacoli. Mettete in una padella dai bordi alti due cucchiai di olio con l’aglio schiacciato, appena prende colore aggiungete le seppie tagliate a pezzi, fatele rosolare  e poi aggiungete il riso e fatelo tostare e quando sarà pronto sfumatelo con il vino bianco. Aggiungete ogni volta che serve il brodo bollente o vegetale o di pesce che servirà per cuocere il risotto. Andate avanti ad aggiungere il brodo fino alla cottura del riso, alla fine unite l’olio extravergine, il prezzemolo tragliano finemente e girate molto bene, lasciate il risotto morbido.

risotto nero

Print Friendly

This Post Has 5 Comments

  1. Franci Carloni

    Le ricette più semplici sono quelle che preferisco, e solitamente sono anche quelle più buone: pochi ingredienti di prima qualità che si esaltano a vicenda, come in questo tuo risotto.
    Ti ringrazio per le tue belle parole, sono contenta che ti piacciano le mie vignette, ogni complimento è una carica per fare sempre meglio!
    grazie Tamara, ti abbraccio!

    1. TamTam

      Hai ragione, i piatti semplici sono i migliori, le vignette mi sono sempre piaciute e il nuovo blog è allegro e fresco, grazie 😉

  2. Fabio

    Bellissimo questo progetto. Viaggiare significa anche conoscere i piatti dei posti che sono pura cultura.
    Risotto molto invitante!

    1. TamTam

      Sì Fabio è stato un progetto molto bello, cominciato con l’Italia e andato avanti prima in Europa e poi nel mondo e non ci fermeremo, chissà dove andremo, dobbiamo finire il mondo, ci mancano diversi paesi, grazie

  3. resy

    Risotto dai profumi mediterranei, foto splendide e…un pò di malinconia che non guasta!! Ma non ci perdiamo di vista e forse riusciamo a visitare anche i paesi che in questi due itinerari sono rimasti fuori, quindi caccavelle pronte nello zaino ed a presto!! Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *