tamara.giorgetti@gmail.com

Castella giapponese

Di nuovo con la nostra ricetta mensile, “Quanti modi di fare e rifare” una ricetta e questa volta la nostra scelta è caduta sulla Castella un dolce giapponese di orginini portoghesi. Castella è un dolce semplice, un dolce adatto alla colazione e al tè del pomeriggio, è una sorta di pan di spagna, ma più soffice, Anna, ha spiegato nel suo posto precedente che piace molto ai giapponesi e c’è addirittura a Nagasaki una fabbrica che sforna Castella quotidianamente.

Con la Castella giapponese partecipo alla tappa dell’abbecedario culinario mondiale ospitato da Nato sotto il cavolo

Abbecedario Culinario Mondiale

Ingredienti:
4 uova medie biologiche
150 grammi di zucchero
2 cucchiai di miele
100 grammi di farina di forza (Manitoba)

25 grammi di acqua tiepida o latte tiepido

Se non si vuole bianco, naturale insomma, si possono aggiungere: 1 cucchiaio di matcha, oppure 2 cucchiai di cacao, dipende da come vogliamo il nostro dolce.
Io ne ho già fatto uno al cacao ed era buono, questa volta lo farò al matcha così deciderò quale mi piace di più.
1) Lasciate qualche ora le uova fuori dal frigorifero in modo da farle tornare a temperatura ambiente, mettetele insieme allo zucchero dentro la planetaria, o un frullino normale e fatele montare per almeno 10 minuti, devono gonfiare fino a diventare quasi bianche e molto voluminose, (è ovvio che essendo un dolce senza lievito deve incorporare aria il più possibile).
2) Gli ultimi minuti, aggiungete il latte tiepido e il miele e continuate a frullare.
3) Setacciate la farina per evitare grumi, io ho setacciato insieme anche il matcha, e unite lentamente.
4) Accendete il forno a 180°C, imburrate una teglia o costruite la teglia di carta, come questa, versate l’impasto, cercate di togliere l’aria e infornate. Dopo 10 minuti diminuite la temperatura a 160° e lasciate per 30 minuti, e poi come sempre dipende dal vostro forno. Il mio dopo 30 minuti era perfetto. L’ho sformato e lasciato  intiepidire nella griglia a forno spento, per farlo asciugare.
E’ un buon dolce da colazione, molto soffice e delicato, un buon pan di spagna.

Print Friendly

This Post Has 30 Comments

  1. ornella

    Cara Tamara ti venuto molto bene, alto soffice complimenti! Prendo link e foto,ciao, buona giornata!

  2. Fr@

    Che bello, ti è venuto altissimo.

  3. Anonymous

    buongiorno ^-^

    che bello vedere che ci siamo riunite in un’unica Castella… mi rende felice…

    Vale che deve commentare in maniera anonima per colpa di blogspot…

  4. Eleonora

    Tam, tutte belle, ma l’altezza della tua è spettacolare.
    :))
    bravissime!!!

  5. stella

    Tamara ma è altissimo il tuo, ma non ho capito, lo hai fatto con uno stampo normale o con i giornali? E quale ti è piaciuto di più quello al cacao o quello al matcha? Ciao e buona giornata!

  6. Rosalba

    Non ho resistito, sono corsa a leggerti! Certo che per essere un dolce senza lievito è davvero gonfio e si vede anche soffice, brava! Io non riesco ad avere così neanche i dolci con il lievito 😉 ma vero è! La versione con il matcha mi piace molto, certo anche quella al cacao slurppp!!
    Bravissime tutte, complimenti.
    Bacioni

  7. antonella

    molto belle complimenti, ma come l’ hai fatta diventare verde?

  8. Lady Boheme

    Complimenti per il fantastico risultato!!!! Bravissima, un abbraccio

  9. ❀✿ Rossella❀✿

    Mamma mia che signor pan di spagna ti e’ venuto altissimo e sofficioso davvero ottimo a colazione!!!Bacioni!!!

  10. Solema

    Hai ottenuto un risultato splendido!!!!
    Che stampo hai usato?

  11. Federica

    Mamma che bella tamara la tua, è altissima ed i un bellissimo verde brillante! Il mio tè matcha lasciava un po’ a desiderare per il colore, ma pazienza. Ti lascio il link della mia castella bianco-verde Baci, buona settimana

  12. Alessandra

    Perfetto! E poi e’ un dolce che mi piace proprio! Quella del latte o acqua tiepidi non la sapevo 🙂

    Ciao
    A.

  13. Federica

    Ho usato questo tè matcha Il colore della polvere è di un bellissmo verde ma in cottura cambia completamente. La prima volta che l’ho usato ne ho messo di più e sembrava quasi al caffè!!!

  14. Federica

    E’ polvere finissima, tipo fecola di patate

  15. Sar@

    E’ proprio bello questo dolce, nel colore verde diventa spettacolare e il tuo è meraviglioso, complimenti!

  16. anna

    Che meraviglia!!!
    Ma quante belle Castella, sono una più bella dell’altra.
    Grazie anche per FB
    Vengo dopo per prendere il link
    Baci

  17. Stefania

    Tamara torno da te per vedere meglio il tuo dolce perchè stamani ero in piena fretta… e devo farti i complimenti per come ti è venuto: alto, soffice e sicuramente squisito come tutte le cose che prepari tu. Un abbraccio

  18. dauly

    wow ma che alto ti è venuto! brava e grazie per l’opportunità che ci date tutti i mesi!

  19. Francesca

    Scommetto che la versione al tè è più stuzzicante di quella al cacao, se non altro per il sapore meno “solito”. Ti è venuta altissima, complimenti, e complimenti anche alle altre -bravissime- che si sono cimentate in questo dolce!

  20. anna

    Tamara, sono venuta a prendere il link.
    Grazie carissima
    baci

  21. ♫ ♪ Anna ♫ ♪

    Bellissima anche la tua Tamara complimenti da provare!!
    Un’abbraccio Anna

  22. LAURA

    Mamma mia ma quanti modi di fare e rifare!!!!
    Complimenti a tutte e in particolare alla tua castella riuscitissima!!!
    Buonanotte

  23. SONIA

    Una più bella dell’altra, posso propormi come assaggiatrice ufficiale? ^_*

  24. Tamtam

    Care le mie ragazze, vi ringrazio tantissimo tutte, siete state molto care, i vostri commenti sono stupendi, alcuni divertenti, ma tutti molto affettuosi, sì devo dire la verità è venuta benissimo, molto alta, ho fatto montare le uova molto a lungo erano diventate quattro volte il volume iniziale, poi ho messo il malto d’orzo al posto del miele che non avevo. Un buon matcha comprato in un negozio di spezie conosciuto. A Federica non è diventato molto verde, forse era un matcha non purissimo, non sempre si ha fortuna… Vi abbraccio tutte tantissimo e vi aspetto, più numerose, all’appuntamento del 6 luglio, con la cheesecake, a quella ricetta non si può mancare, baci

  25. Damiana

    Brava Tam,le uova ..è lì il segreto!!Lasciarle triplicare e poi che ci importa,fa tutto la planetaria!!Hai ragione questa torta è un signor Pan di spagna,e lo immagino già farcito in mille modi!!Ma anche così è buonissimo con un buon bicchiere di latte!!E anche stavolta stò a rosicà!!Ma giuro che se trovo dei buoni pistacchi,la prossima volta sarò dei vostri!!
    Un bacio tesò!!

  26. Mammazan

    Carissima Tamara
    Hai confezionato una meraviglia di dolce e il post è bellissimo!!
    E grazie per essere così affettuosamente presente nel mio blog!!!
    Un bacione

  27. pips

    Questo dolce dev’essere buonissimo e molto soffice. Grazie della ricetta, non l’avevo mai sentito prima e non tarderò a provarlo 🙂

  28. Cucina Amore Mio

    L’ho perso…Ci tenevo tanto.
    Mannaggia.
    Comunque “quanti modi apparte” lo voglio fare e te lo faccio sapere.
    Dann/www.cucinaaamoremio.com

  29. sabrina

    Dopo tanti salati finalmente un dolce! Grazie Tamara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *