tamara.giorgetti@gmail.com

Cassata siciliana

Cassata Siciliana
Per fare una buona Cassata Siciliana si parte dal pan di spagna.  Non si può utilizzare un pan di spagna comprato, risulterebbe un sapore diverso, di eccessiva vaniglia. Il pan di spagna si fa, è un dolce facile che sta alla base di quasi tutte le torte ed anche dei dolci al cucchiaio (vedi Zuppa inglese che presto posterò).

Ingredienti per cassata siciliana

200 grammi di farina  per dolci
150 grammi di zucchero semolato
5 uova

Sbattere in una terrina i tuorli con lo zucchero fino a farli diventare spumosi e chiari (devono incorporare tanta aria perché non c’è il lievito che faccia crescere il dolce). In un’altra ciotola montare a neve ferma, con un pizzico di sale, gli albumi e incorporateli al composto di uova e zucchero con estrema delicatezza, con una spatola dal basso verso l’alto.  Aggiungete poi la farina setacciata sempre delicatamente . Accendete il forno a 180° C, imburrate una tortiera di 24 cm, versatevi il composto e mettetela in forno per 40 minuti. Fatelo raffreddare nello stampo.

Prendete una ciotola, zuppiera, o in vetro o in acciaio, con bordi bassi, altezza 6 cm, diametro 20 cm, a meno che non siate in 20 persone non fate mai una cassata molto grande perché è un dolce che sazia molto ed è bene mangiarlo presto. Cercate di rivestire la ciotola con il Pan di Spagna
Adesso si passa…alla parte più dolce, l’impasto vero e proprio della cassata. Io ho preso questa ricetta tanti anni fa, in un vecchio libro di Fiammetta di Napoli Oliver nipote del famoso Salaparuta, antichissima famiglia siciliana e devo dire l’ho fatta decine di volte ed è piaciuta sempre e l’ho potuta confrontare anche con cassate mangiate in loco (in Sicilia).
Ingredienti
500 grammi di ricotta di mucca
300 grammi di zucchero al velo
aroma di cannella o vaniglia (io rosolio al limone home made)
3/4 cucchiai di gocce di cioccolata o pezzetti
dadini di frutta candita (comprate i pezzi grossi e tagliateli voi sono più buoni della macedonia)
Riempite con la questa crema il contenitore foderato di Pan di Spagna e ricopritelo con altre fette chiudendo bene come da fotografia. Metteteci sopra un piatto che vada dentro con un peso sopra e ponetelo in frigorifero fino al giorno dopo per farlo rassodare. Riprendete la cassata, rivoltatela su un vassoio e preparate l’occorrente per le decorazioni.
Io ho fatto la pasta di zucchero, o fondant, e l’ho ricoperta con quella, poi ho tagliato i canditi (quelli grandi) e con quelli ho fatto il fiore centrale, poi ho ricavato con il pelapatate dei nastri dal cedro e li ho messi sopra, date libero sfogo alla vostra fantasia, ricordatevi che la cassata è un dolce barocco più decorazioni ha meglio è.

 

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 7 Comments

  1. Zulia

    yuuuhuuu!!!Volevo proprio fare la zuppa inglese non vedo l’ora di vedere la tua ricetta!!!E di questa che dire?E’ proprio una vera Signora Cassata Siciliana!Bravaaaa!!!

  2. Tamtam

    grazie Zulia….amo fare queste cose, poi mi piace spiegare passo passo le ricette per dare modo anche a chi non è bravissimo di poterle ri-fare…. ciao..

  3. Cey

    Molto bella *_* non sono una fan della cassata ma sicuramente la tua fa una gran scena in tavola =)

  4. kat

    Ciao complimenti che bel dolce! Ricambio molto volentieri la visita, anche se con un po’ di ritardo, scusa!!!…a proposito di zuppa inglese, mi dai un suggerimento: io amo tanto farla ma da quando vivo negli Usa ho smesso 🙁 purtroppo niente alchermes 🙁 … con cosa potrei sostituirlo? A presto Kat

  5. Simonetta

    Ecco…soprattutto la cassata. L’ho scoperta anni fa in Sicilia e non l’ho più dimenticata. E’ passato anche troppo tempo da quando ho mangiato la tua (buonissima…). E’ ora di rimediare…..

  6. Tamtam

    Giuro….te la faccio quest’estate, così il pomeriggio facciamo qualcosa dopo esserci arrostite la mattina nella meravigliosa spiaggia di Chia…..tu prenota già la ricotta….

  7. Pingback: Cucina Toscana : Lo Zuccotto - Un pezzo della mia Maremma - …ma sono tante le cose meravigliose di questa terra e in particolare vi racconterò della cucina…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *