tamara.giorgetti@gmail.com

Carote alla marocchina

Carote Marocchine

Sono un contorno molto saporito le Carote alla marocchina,  hanno una cottura semplice e veloce poi rimangono nella salsa ad insaporirsi con le molte spezie con cui viene preparata. Le carote sono una verdura poco saporita ma hanno un alto contenuto di vitamine.

Da Wikipedia:
La carota è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Apiaceae ed è anche uno degli ortaggi più comuni; il suo nome deriva dal greco Karotón. La carota spontanea è diffusa in Europa, in Asia e nel Nord Africa. Ne esistono molte e diverse cultivar che sono coltivate in tutte le aree temperate del globo. Allo stato spontaneo è considerata pianta infestante e si trova facilmente in posti assolati ed in zone aride e sassose ma anche in tutti gli ambienti rurali e perfino alle periferie cittadine. La carota è ricca di vitamina A (Betacarotene), B, C, PP, D e E, nonché di sali minerali e zuccheri semplici come il glucosio. Per questo motivo il suo consumo favorisce un aumento delle difese dell’organismo contro le malattie infettive.

carote alla marocchina

In cucina si usa la carota per tutto, non esiste un soffritto senza la carota, può essere utilizzata per preparare puree, succhi, minestre, dolci ecc., ma anche cruda in insalata. Ad una temperatura di 0 °C ed un’umidità percentuale tra 90-95 si può conservare per diversi mesi mantenendo inalterate tutte le sue proprietà organolettiche, e con qualche accorgimento per la cottura, rimarranno inalterate anche le sue proprietà gni sua proprietà.

Una curiosità. La parte centrale color porpora del fiore bianco viene usata dagli artigiani della miniatura. La carota è molto usata in cosmesi perché antiossidante e ricca di betacarotene, perciò stimola l’abbronzatura prevenendo la formazione di rughe e curando la pelle secca e le sue impurità; la sua polpa è un ottimo antinfiammatorio molto adatto a curare piaghe, sfoghi cutanei e screpolature della pelle. È molto indicata per la cura delle affezioni polmonari e nelle dermatosi; quale gastro-protettore delle pareti dello stomaco è un ottimo antiulcera. Fra le altre molteplici proprietà curative, la carota ha quelle di prevenire l’invecchiamento della pelle, facilitare la secrezione del latte nelle puerpere, tonificare il fegato, regolare il colesterolo. Altri benefici riconosciuti sono la facilitazione della diuresi, la tonificazione dei reni, l‘innalzamento della emoglobina, la regolazione delle funzioni intestinali. Infine, favorisce la vista portando sollievo ad occhi stanchi ed arrossati.

L’assimilazione di carotenoidi nelle carote crude è del 4-5%. Aumenta fino a 5 volte in presenza di acidi grassi omega-9 (come nell’avocado), e in presenza di una cottura non prolungata (come invece è quella a vapore).

Le carote viola e gialle sono originarie dell’Afghanistan, dove furono coltivate per la prima volta circa 5000 anni fa, successivamente furono apprezzate da Greci e Romani, che le utilizzavano principalmente per le proprietà medicinali dei loro semi.

Furono però gli olandesi, in onore della dinastia degli Orange,  attraverso degli incroci, a cambiarne il colore fino a quel distintivo arancione che oggi noi tutti conosciamo. Diversi sono i colori ma tutta uguale la bontà, è un ortaggio eccezionale: ricca di vitamine rappresenta un vero e proprio toccasana per la nostra pelle, in particolare d’estate.

Un’altra curiosità. L’Italia  forse l’unico paese in tutta Europa in grado di produrre le carote per 12 mesi l’anno.

Carrots_of_many_colors

 fotografia da wikipedia

Ingredienti per Carote alla marocchina:

  • 500 g di carote piccole e molto fresche
  • 30 ml di olio extravergine
  • 30 ml di aceto – io di mele –
  • 1 cucchiaino di sale fino
  • 1 cucchiaino di cumino macinato e intero
  • 1 cucchiaino di paprika dolce – io anche piccante –
  • 1/2 cucchiaino di zucchero di canna
  • 1 pizzico di pepe nero
  • 2 spicchi di aglio piccoli tritati
  • 1 cucchiaino di concentrato di pomodoro

Mettete a cuocere le carote intere in acqua salata per 8/10 minuti, devono essere dure, scolatele e raffreddatele subito. Fatele asciugare e nel frattempo preparate la salsa dove andranno le carote.
Mescolate in una ciotola metà olio con l’aceto, la paprika, il cumino, lo zucchero, l’aglio il sale e il pepe.
Scaldate l’olio rimasto insieme al concentrato di pomodoro e aggiungete le carote, fate cuocere per 5 minuti. Trasferite le carote e il condimento in un contenitore da portare in tavola, copritele con la salsa fredda preparata prima e fatele insaporire prima di mangiarle. Sono buone, appetitose, piccantine e bisogna avere un sacco di pane a disposizione, come contorno o secondo.
ricetta ispirata da labna.it

carote

carote alla marocchina

Con questo ricetta partecipo all’Abbecedario culinario mondiale, per il Marocco, nostra ambasciatrice è Patrizia del blog Melagranata che trovate qui

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

This Post Has 3 Comments

  1. arabafelice

    Sembrano deliziose Tamara, domani compro le carote 😉

    1. TamTam

      sentirai il sapore Stefania, ovviamente sapori del Marocco, molte spezie ma tu lo sai questo…;)

  2. Patrizia

    Grazie Tamara! Bellissimo piatto, dagli intesi profumi maghrebini, e splendide foto! A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *