tamara.giorgetti@gmail.com

Babà per l’Mtchallenge 39

Babà Ai Pistacchi

Ecco il babà per l’Mtchallenge 39. Buono più di ogni immaginazione, è un dolce con una storia. Non viene da Napoli come si può pensare ma dalla Polonia, qui potete trovate la storia di questo splendido dolce amato da tutti. Quando ho visto che c’era il babà questo mese all’Mtc ho pensato che non lo avrei fatto, erano passati solo due mesi da quando lo avevo fatto e la mia ciccia aumenta, ma è troppo buono, e non potevo passare, già il mese passato con il quinto quarto non ho partecipato, lì avevo un motivo valido, non mangio carne, ma qui c’era solo la mia di carne (vedi ciccia) come motivo e non me la sono sentita di dire di no, e ieri sera mi sono mangiata un enorme babà, il primo della fotografia con cremina di pistacchi di Bronte appena comprati ai Tipici dei Parchi e i lamponi colti ieri dal mio albero.

babà per Mct

La tecnica dell’impasto e i tempi di lievitazione sono il segreto per una perfetta riuscita del babà: impastato a lungo e fatto lievitare a lungo, cotto, tolto dallo stampo e fatto asciugare per un giorno prima di immergerlo nel bagno caldo di zucchero con rum,  limoncello o altri liquori, dopo averlo inzuppato aspettare due ore prima di servirlo. Andiamo alla ricetta del Babà per l’Mtchallenge 39.

Il blog che ha vinto la volta scorsa e che ha scelto la ricetta di questo mese è  La trappola golosa che trovate qui, mentre il blog dell’Mtc è questo dove trovate tutte le spiegazioni delle sfide mensili e sono avvincenti ve lo garantisco. Andiamo al nostro Babà  per l’Mtchallenge 39.

Ingredienti per il Babà per l’Mtchallenge 39:

  • 300 grammi di farina di grano tenero con proteine alte tipo Manitoba
  • 3 uova biologiche, ne ho messe due perché molto grandi
  • 100 grammi di burro morbido
  • 100 grammi di latte
  • 25 grammi di zucchero
  • 10 grammi di lievito di birra
  • 1/2 cucchiaino di sale fino

 

Per il lievitino: sciogliere il lievito di birra in 50 grammi di latte tiepido e 1 cucchiaino di zucchero, impastare aggiungendo 70 grammi di farina dal peso totale. Far lievitare fino al raddoppio, mettere la ciotola coperta in forno con luce accesa per dare un aiuto.

Una volta aumentato il volume dell’impasto mettere tutto nella ciotola della planetaria, il resto della farina e in mezzo il lievitino e le tre uova, accendere e far impastare a lungo aggiungendo ogni tanto un cucchiaio di latte se dovesse servire, l’impasto deve essere elastico né duro né troppo morbido. A questo punto aggiungete lo zucchero e il burro continuando ad impastare, il babà viene bene solo se è ben lavorato, deve inglobare molta aria. Ho fatto impastare 10 minuti abbondanti e poi messo, coperto con pellicola a lievitare in forno. Appena ha raddoppiato il volume ho cominciato a riempire gli stampi monoporzione già imburrati e infarinati, da tenere presente che con questa dose ho fatto 8 stampi monodose. Mettete poca pasta per ogni stampo, fatela arrivare appena sotto la metà e mettete di nuovo il nostro babà a lievitare, coperto con pellicola imburrata in forno. Ieri faceva caldo e in appena un’ora la pasta è arrivata al bordo degli stampi. Ho infornato a 160° per 20/25 minuti, però dipende dal vostro forno.

Per la bagna al rum

In una pentolina mettere 300 ml di acqua, 160 grammi di zucchero e alcune bucce di limone e arancio, solo la parte colorata non quella bianca, portate ad ebollizione e dopo qualche minuto spegnete e aggiungete 200 ml di rum. Praticate dei fori nei vostri babà e versateci subito il liquido caldo e profumato dagli oli essenziali delle bucce, sentirete uno splendido profumo alzarsi dai vostri babà. Decorate poi a vostro piacere, con le salse che preferite e la frutta che preferite.

babà al pistacchio

 

Print Friendly

This Post Has 8 Comments

  1. alessandra

    ” già il mese passato con il quinto quarto non ho partecipato, lì avevo un motivo valido, non mangio carne, ma qui c’era solo la mia di carne (vedi ciccia)”… ma rido troppo, guarda.. e vorrei anche dirti che mi sento un po’ colpevole, ma sarebbe una bugia: perchè questi babà sono meravigliosi, anche per la scelta di ingredienti di altissima qualità,che da sempre fanno la differenza- e se ti fossi fatta troppi scrupoli, non li avresti mai creati. Quanto meno no per questa sfida, che invece si arricchisce di un’altra interpretazione raffinata, elegante, convincente. Grazie per esserti sacrificata per noi 😉 e complimenti davvero!

  2. Elly

    Sono uno spettacolo! Le fotografie perfette. La seconda mi incanta ancor di più!! Bravissima Tammy!

    1. Elly

      La terza, la terza!!!! Anche le altre sono belle, ma l’ultima di più

    2. TamTam

      grazie Ely pensa che non me ne piaceva neppure una questo giro…

  3. Monica

    Lamponi e pistacchio, rum e soffici babà profumati…che abbinamento splendido, colorato e pieno di profumi, con limone e arancia che lascaino anche loro delle note super.
    Complimentoni!

    1. TamTam

      sì i profumi sono tanti e sono ben bilanciati…e il babà è sempre il babà

  4. Valentina

    Ma sono perfetti i tuoi babà!!! e poi con quella farcitura saranno gustosissimi! complimenti!!!

    http://www.campiflegrei.na.it/index.php/category/gastronomia/

  5. Antonietta

    Il problema della ciccia che aumenta è anche mio. Il blog mi ha regalato parecchi kg e non perché prima non mangiassi.Ora tutto ciò che fai si identifica con il tuo pensiero e il tuo cuore, lo respiri, lo incameri e tutto questo comporta sperimentazioni e assaggi.
    Come penso tu abbia incamerato e respirato questo babà proponendolo in maniera superba e invitante e invogliando all’assaggio il povero sventurato che lo guarda
    Un abbraccio forte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *